A2/M Gir. E Arrivano i primi verdetti dal raggruppamento siciliano

H.C. Mascalucia, Kelona Palermo e Pallamano Haenna con quattro giornate di anticipo hanno ottenuto l’obiettivo programmato ad inizio stagione e cioè: la partecipazione al prossimo campionato nazionale di serie A2 maschile (a tre gironi). Manca poco più di un mese al termine della cosiddetta ‘fase a orologio’ e le tre formazioni siciliane hanno archiviato, di fatto, il primo traguardo matematicamente avendo un cospicuo vantaggio sulla quinta in graduatoria. Torneranno a disputrare il torneo cadetto, invece, il Cus Palermo con un recente passato anche in A1, così come l’Alcamo che già nel prossimo turno (giocherà sul difficile campo del Girgenti) potrebbe essere la seconda formazione a retrocedere con largo anticipo. Le uniche incertezze, dunque, riguardano l’attuale quarta forza della serie A2, quella che “promuove” nella seconda serie, con il Messina di D’Arrigo che dopo un’inizio di stagione difficile è in serie positiva, oramai da ben sette giornate (6 vittorie e un pareggio) e avendo pure gli scontri diretti in vantaggio con Girgenti e Giovinetto Marsala è di fatto vicinissimo alla matematica quarta piazza. Basterà praticamente una sola vittoria, nelle restanti quattro gare, per mantenere l’attuale posizione senza dover attendere gli esiti dei vari match in programma nei prossimi turni. Insomma a meno di soprese saranno i catanesi del Mascalucia guidati da Cardaci, il Kelona di Aragona, l’Haenna di Giummulè e il Messina le prime quattro della classe, mentre a meno di clamorose quanto improbabili sorprese a retrocedere nella categoria inferiore dovrebbero essere (il condizionale è ancora d’obbligo) Girgenti, Giovinetto, Alcamo e Cus Palermo. Resta, ovviamente, l’ultimo fondamentale nodo da sciogliere con la conquista del primo posto finale utile per l’accesso alla ‘Final Eight’ che decreterà l’unica promozione diretta nella serie A1 targata 2018-2019. Pratica che riguarda solo due formazioni e cioè: H.C. Mascalucia e Kelona staccate di soli 4 punti con gli etnei che hanno vinto i due scontri diretti nella stagione regolare e dovranno attendere il prossimo 24 marzo quando a Mascalucia le due squadre torneranno a sfidarsi e praticamente sarà il big-match che chiuderà in maniera definitiva il discorso per la leadership nel girone.