Dalvai: “Tanta attesa e curiosità per l’Italia”

L’Italia si avvicina al momento della verità. Una tre giorni attesissima che partirà il giorno 11 con la sfida alla Romania che darà il via ufficiale alla corsa verso i Campionati Mondiali del 2019. Bolzano sarà lo scenario e il Pala Resia il palcoscenico su cui la truppa allenata da Riccardo Trillini si esibirà. Ma come sta vivendo l’attesa la città altoatesina? Hans Peter Dalvai ha risposto ad alcune domande soffermandosi inizialmente proprio sulla suspence generatasi: “Siamo molto curiosi di vedere come finirà questa kermesse, l’attesa è davvero tanta. Dal punto di vista organizzativo siamo tutti pronti, abbiamo ottemperato ai nostri compiti e non ci resta che seguire ciò che il campo mostrerà. La gara contro Israele, seppur persa, ha dato molte indicazioni all’allenatore che ha provato diverse soluzioni tra attacco e difesa, spero che il risultato sia diverso quando conterà”. E su quante reali possibilità abbia la Nazionale non si sbilancia: “La qualificazione resta difficile, sulla carta sia Ucraina che Romania restano avanti ma chissà, vedremo”. Chiusura sul Bolzano che primeggia nel girone A del campionato di A1 maschile e che sarà impegnato nell’Alpe Adria Cup dal 19 al 21 Gennaio prossimi: “La squadra sta facendo ottime cose, come altre compagini abbiamo avuto diversi infortuni nel corso delle settimane ma sia la panchina lunga che l’ottima gestione delle rotazioni di mister Fusina hanno risolto le difficoltà. Nel nostro raggruppamento possiamo rilassarci un pochino vista la situazione di classifica, affronteremo volentieri le sfide con Pressano e Bressanone che sono alla ricerca del secondo posto così come l’avventura in Alpe Adria Cup. Questa competizione ci vedrà opposti a diverse formazioni straniere di buon livello, accresceremo il nostro bagaglio d’esperienza e vivremo il torneo con entusiasmo. Unico neo del momento è l’infortunio di Volarevic, ha un lieve strappo e sarà da valutare, faremo a meno di lui all’Alpe Adria ma speriamo di recuperarlo il più presto possibile”.