EHF Cup, Fusina: “Bolzano ha giocato un’ottima pallamano”

Duplice impegno in terra islandese per le squadre europee impegnate nell’ European Cup di Pallamamo. Oltre al Dukla Praha in Islanda giocava anche l’SSV Bozen Loacker Volksbank, che si è aggiudicato il diritto a partecipare a questo importante campionato europeo vincendo lo scudetto nella passata stagione e ha concordato con la squadra islandese di disputare sia l’andata che il ritorno in terra islandese. Il Primo match si è disputato alle ore 16 di sabato allo stadio Hlifarendi dì Reykjavik tra i padroni di casa del Valur e i bolzanini del SSV Bozen Handball. La partita inizia davanti a 500 spettatori in grande equilibrio, grande intensità e ad un altissimo livello tecnico. Si capisce dai gesti del tecnico islandese che non si aspettava una squadra così forte dall’Italia. Time Out e il Valur aumenta ancora di più la velocità e di potenza si fa largo trascinati dal fuoriclasse Magnusson. A fine partita il centrale del Valur farà segnare ben 12 gol sul referto di gara. I bolzanini non ci stanno e trascinati dai soliti Gaeta, Turkovich e Dapiran rimangono attaccati al risultato. Nella ripresa non sono sufficienti i continui spunti di classe di Gaeta e Sonnerer perché Magnussen e compagni aumentano ulteriormente il ritmo di gioco e arrivano a metà del secondo tempo a +10. Il Loacker disputa comunque un ottima partita e non si dà per vinta arrivando a  2 minuti dalla fine a giocarsi la palla del -3. La fretta di voler aggiustare ulteriormente il punteggio finale risulterà fatale perché con 3 contropiedi consecutivi il Valur riprende il largo e chiude il match con il punteggio di 35-27. “Abbiamo giocato un’ottima pallamano e lottato su ogni palla fino al fischio finale; non poso rimproverare nulla ai miei giocatori che si sono alternati con grande disciplina, ma questi sono i nostri limiti e dobbiamo prenderne atto” dichiara il mister Fusina a fine gara. Il secondo match si è disputato domenica alle 16 sempre allo stadio Hlifarendi dì Reykjavik. Anche il secondo match inizia con grande equilibrio dove si mette bene in mostra tra le fila bolzanine Alessio Moretti che mette a segno ben 8 gol nel primo tempo. Il Valur mantiene alto il ritmo trascinato dal solito Magnusson che segna e fa segnare un po’ tutti. Tra il 17′ e il 20′ l’ala sinistra Stefansson con tre perle porta il Valur sul 14-9, che rimarrà il massimo vantaggio del primo tempo ottimo al tiro. Negli ultimi 10 minuti sale in cattedra Mate Volarevic, aiutato anche da una difesa più compatta. Il Bolzano prende coraggio e Moretti, Dapiran e Gaeta riportano l’SSV Bolzano Loacker Volksbank a meno uno. Risultato primo tempo 17-16 per Valur. Si riprende il gioco con palla al Bolzano che perde l’occasione del pareggio e il Valur si riporta subito a +3 Il Bolzano non ci sta e si riporta a -1 al 35 minuto. Continua il grande lavoro in difesa del Bolzano contro un Valur fortissimo e ben organizzato che però non ferma l’assalto dei bolzanini che pareggiano al 38 minuto (20:20) con Felipe Gaeta. A metà secondo tempo Turkovic regala il primo vantaggio bolzanino 26-25, che diventa 29-27 per il Bozen al 49 minuto. Un minuto dalla fine Moretti e Dapiran portano il Bolzano sul +2, 31-29. Gli ospiti tentano di allungare il vantaggio ma finisce 31-30 per il Bolzano, risultato che sottolinea il grande carattere bolzanino nonostante la superiorità tecnica e fisica degli Islandesi. Qui in Islanda si è visto comunque un ottimo Bolzano ben disposto in campo che ha lottato fino alla fine mostrando carattere e disciplina agonistica che sono la base per incominciare nel migliore dei modi il campionato italiano che è alle porte. Contemporaneamente sempre a Reykjavik il Dukla Praha perde anche la partita di ritorno contro i cugini del Hafnarfjardar e vengono eliminati anche loro dalla competizione. L’Islanda si conferma quindi grande nazione della Pallamano europea anche a livello di Club oltre che della Nazionale dove ricopre di diritto un ruolo importante tra le prime 6 nazioni europee.