IL PAREGGIO DI TRIESTE REGALA LA SALVEZZA ALL’ HC BANCA POPOLARE DI FONDI

Molti ricorderanno che il 2 settembre scorso, durante la presentazione delle formazioni 2018-2019, era stato fissato ufficialmente l’obiettivo dell’HC Banca Popolare di Fondi: raggiungere, al più presto, la salvezza. Il 30 marzo, con tre giornate d’anticipo, gli uomini cari al presidente Vincenzo De Santis raggiungevano il risultato atteso. Alla salvezza bisogna aggiungere, inoltre, la partecipazione alla Final8 di Coppa Italia. In casa rossoblù, visto che ci sono ancora tre giornate da giocare, non è ancora tempo di bilanci.

Per la formazione fondana, come nelle ultime settimane, i problemi arrivavano dall’infermeria: mister Giacinto De Santis, infatti, doveva rinunciare a D’Ettorre, Conte e a Leal (quest’ultimo era in panchina solo per onor di firma e per incitare i propri compagni di squadra). Nonostante questo gli ospiti scendevano in campo senza timore, partivano subito forte e, con grande determinazione, si portavano subito sul +3 (1-4 al 7°). Trascinati da un’ottima difesa e da un ispirato Travar i rossoblù continuavano a giocare a visto aperto e, in pochi minuti, allungavano sul +4 (7-11 al 20°). Dopo il time out chiesto da mister Carpanese i padroni di casa rientravano molto più determinati, prendevano in mano le redini del gioco, piazzavano un parziale di 3-0 e si portavano sul -1. Tuttavia i fondani non si disunivano e riuscivano a chiudere la prima frazione di gioco sul +2 (12-14).

All’inizio della ripresa, con le reti di Dall’Aglio e Nardin, i ragazzi di De Santis allungavano nuovamente sul +4. Visintin e compagni non si scomponevano e rimanevano sempre incollati alla formazione ospite. Sino al 50° la partita era contraddistinta da una serie di break e contro-break. A quel punto iniziava un altro match: Travar e compagni sbagliavano cinque conclusioni – di cui quattro dai sei metri – e non riuscivano ad arrotondare il risultato; la formazione giuliana, spinta dal “caldissimo” Pala Chiarbola, ne approfittava e all’ultimo secondo raggiungeva il pari (22-22) con l’indomabile Sodomaco.

Un punto fondamentale che regalava la matematica salvezza, anche se per quello visto nell’arco dei 60’ di gioco, i rossoblù meritavano la vittoria. Di questa opinione anche il tecnico Giacinto De Santis: “Abbiamo disputato una grande partita, più nella fase difensiva che offensiva, anche se qualche tiro facile di troppo sbagliato non ci ha permesso di chiuderla e vincerla con pieno merito. Devo fare i complimenti ai ragazzi perché hanno lottato, avendo sempre la giusta lucidità. Purtroppo siamo stati ingenui nel finale a non chiuderla. Questi ragazzi hanno dimostrato tanto: qualche tempo fa questa partita l’avremmo persa facilmente. Siamo una squadra e una società in crescita. Ora stacchiamo la spina qualche giorno e poi penseremo alla prossima”.

Prossimo appuntamento per l’HC Banca Popolare di Fondi il prossimo 20 aprile: nella serata di Sabato Santo la squadra fondana ospiterà la capolista Bolzano, fresca vincitrice della Coppa Italia.

 

Pallamano Trieste – HC Banca Popolare di Fondi 22-22 (P.T. 12-14)

Pallamano Trieste: Doronzo, Ivic, Radojkovic 4, Lekovic 4, Hrovatin 2, Tocchetto, Muran, Modrusan, Di Nardo 2, Allia, Visintin 2, Grosu Ionut, Sandrin 4, Sodomaco 4, Parisato, Milovanovic. All. Andrea Carpanese.

HC Banca Popolare di Fondi: Pinto, Nardin 2, Crosara, Alves Leal, Iballi 1, Dall’Aglio 3, Pola 3, Soliani, Tenore, Morreale, Travar 11, Rosso 2. All. Giacinto De Santis.

Arbitri: Carrino – Pellegrino.