Inizia con il piede giusto il torneo dei campioni d’Italia in carica

Inizia con il piede giusto il torneo dei campioni d’Italia in carica, che nella serata di ieri, davanti al proprio pubblico, hanno sconfitto per 32-24 il Bressanone nella 1^ giornata della nuova Serie A a girone unico. Successo mai in discussione per Vito Fovio e compagni, che si portavano subito sul 3-0 grazie alle tre reti in successione di uno scatenato Demis Radovcic, per larghi tratti dell’incontro imprendibile per la difesa avversaria. Gli ospiti rientravano e restavano in scia dell’Acqua & Sapone sino al 9-8 del 23’, momento del match che segnava una svolta per i padroni di casa, i quali grazie ad un parziale di 6-0, ispirato particolarmente dai giovani Umberto Bronzo e Raul Bargelli, allungavano di fatto definitivamente senza più essere avvicinati nel punteggio dalla compagine brissinese. Chiusa la prima frazione sul + 7 (16-9), la Junior si spingeva in seguito sino al +10 (25-15 al 47’), gestendo senza particolari patemi la seconda parte della gara, nella quale decisive sono state una difesa già efficace e le precise ripartenze rapide che hanno ripetutamente mortificato la retroguardia del Bressanone. La sfida si chiudeva dunque sul 32-24, con il club biancazzurro atteso ora dall’insidiosa trasferta di Trieste, in programma alle 17.15 di domenica prossima con diretta tv su Sportitalia. “Possiamo reputarlo un buon inizio di campionato – dichiara a fine partita il tecnico Francesco Ancona – con i ragazzi che hanno ben figurato nonostante le tante novità in rosa. È ovvio che tanti meccanismi sono ancora da rodare al meglio, soprattutto nella circolazione della palla, e ci vorrà un po’ di tempo, ma sono molto contento soprattutto per i nuovi arrivati, che insieme alla vecchia guardia hanno ben figurato in questa partita. Sono particolarmente soddisfatto per la buona fase difensiva e per le ripartenze che hanno fruttato tante reti, e dobbiamo continuare su questa strada perché ormai la pallamano e forza e velocità, ed occorre metterci questo nelle partite. Ora ci attende una trasferta complicata a Trieste, contro una squadra che è un mix tra giovani e giocatori esperti, un team blasonato che ha sempre venduto cara la pelle. Sarà un incontro durissimo ed occorrerà lottare fino all’ultimo secondo per portare a casa un risultato positivo”.