Junior Fasano, presentata la rosa 2016/17 e ufficializzato il nuovo Palazzetto dello Sport

Si è tenuta nel pomeriggio di oggi presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Fasano la presentazione ufficiale della Junior 2016/17, ai nastri di partenza con lo scudetto e la Coppa Italia conquistati nella scorsa stagione. A rapire completamente la scena è stata la tanta agognata ufficializzazione da parte del senatore Nicola Latorre, accorso all’evento unitamente al sindaco Francesco Zaccaria, al consigliere regionale Fabiano Amati, ed al consigliere federale FIGH Angelo Di Carolo, dell’ammissione al finanziamento governativo della rigenerazione del Palazzetto dello Sport di Vigna Marina, i cui lavori avviati negli anni ’80 non sono mai stati conclusi. Forte vicinanza al sodalizio biancazzurro, “eccellenza” della città, è stata evidenziata nei canonici saluti di rito del sindaco Zaccaria e del consigliere regionale Amati, prodigatisi fortemente, insieme agli altri intervenuti ed al commissario prefettizio Erminia Cicoria, per la compagine tricolore e per la concretizzazione del sopracitato progetto palasport. Il saluto da parte della federazione ai campioni d’Italia è stato invece trasmesso dal consigliere federale Di Carolo, che ha anticipato l’intervento del senatore Latorre, incentrato sulle notizie positive giunte da Roma. La presentazione dell’organigramma societario e della rosa della Junior Fasano 2016/17 è stata poi anticipata dalle brevi dichiarazioni del presidente Francesco Renna e del tecnico Francesco Ancona, con l’evento che si è concluso con gli interventi degli ultimi arrivati Demis Radovcic e Niccolò D’Antino, presentatisi alla città, e con il saluto finale del capitano Flavio Messina. L’esordio ufficiale in campionato è quindi previsto per le ore 15 di domani, quando nella palestra Zizzi la Junior ospiterà la neopromossa Kelona Palermo. Arbitreranno l’incontro i sig.ri Bassi-Scisci. Appuntamento infine per domenica in piazza Ciaia a partire dalle ore 9 per lo “Junior Day”, evento gratuito per bambini e ragazzi che vogliono avvicinarsi alla pallamano.

UFFICIO STAMPA

 Antonio Latartara