L’Ambra perde contro il Parma e scivola al 5° posto

L’Ambra si congeda nel peggiore dei modi dal pubblico di casa. L’ultima gara interna della stagione finisce 22-21 per il Parma il cui terzo posto diventa così irraggiungibile per la squadra di Poggio a Caiano che addirittura, per effetto del pareggio ottenuto dal Secchia Rubiera sul campo dell’Olimpic Massa Marittima (29-29), scivola in quinta posizione. E ad un solo turno dalla conclusione della regular season, questo potrebbe essere il verdetto definitivo del campionato, visto che l’ultima giornata proporrà impegni abbordabili per tutti. Sabato infatti l’Ambra chiuderà a Monteprandone, mentre il Secchia Rubiera quarto lo farà in casa contro il Camerano. La sfida clou della penultima giornata di serie A2 girone C è stata invece vinta 29-20 dal Rapid Nonantola sul Faenza che però ha conservato il primo posto con una lunghezza di vantaggio sui rivali. Questa la graduatoria per quanto riguarda le prime posizioni: Faenza 37 punti; Rapid Nonantola 36; Parma 32; Secchia Rubiera 28; Ambra Poggio a Caiano 27; Olimpic Massa Marittima 20. Tornando al match con il Parma, l’Ambra ha dilapidato un successo che a 5’ dal termine sembrava ormai cosa fatta, sul 21-16 a proprio favore. Ma i poggesi si sono bloccati e con un parziale di 6-0 gli ospiti, agevolati anche dai rossi inflitti a Chiaramonti e Maraldi, hanno operato l’incredibile sorpasso.

Ambra-Parma 21-22

AMBRA POGGIO A CAIANO: Ballini 2, Chiaramonti 3, De Stefano 1, Geraci, Mannocci, Maraldi 6, Morini, Pozzi 4, Trinci, Biagiotti, Liccese 5, Paviano, Ballerini, Bacci. All.: Cavicchiolo.

PARMA: Lorenzini, Cortesi Ale. 2, Cortesi Alb. 2, Saliu 3, Boschi, D’Angelo 6, Oppici 2, Fereoli, Misantone, Musca, Usai 4, Dalolio, Strada 3, Raimondi. All.: Galluccio.

Arbitri: Donnangelo e Falcone.

Note: primo tempo 10-9 per l’Ambra. Espulsi Chiaramonti (Ambra) al 21’ st e Maraldi (Ambra) al 25’ st.