L’H.C. Darwin Tecnologies Mascalucia conferma “l’allenatore dei primati” Salvo Cardaci

La notizia era nell’aria da qualche giorno ora è ufficiale: l’Handball Club Darwin Tecnologies ha ufficialmente annunciato l’intenzione di voler confermare il direttore tecnico Salvo Cardaci anche per la stagione agonistica 2018-2019. Durante una riunione con i quadri dirigenziali e tecnici del sodalizio il presidente Sergio Pagano ha annunciato l’intenzione di voler proseguire il rapporto di collaborazione con l’esperto allenatore ennese arrivato a Mascalucia l’estate scorsa, dopo il trionfale scudetto conquistato con Salerno nella massima serie femminile. Una decisione presa dal gruppo dirigente catanese che, dopo la vittoria assolutamente inaspettata nel girone E di serie A2 maschile, chiuderà nei prossimi due turni la “pratica campionato” (sabato 14 contro Alcamo e il 21 in casa contro Messina ndr.) per poi concentrare tutte le sue attenzioni sui play-off promozione di Borgo San Lorenzo (Fi) in programma dal prossimo 29 aprile al 1 maggio. “Eravamo contenti della scelta fatta l’estate scorsa – dice il presidente dell’H.C. Mascalucia Pagano – lo siamo ancor di più oggi, dopo lo straordinario campionato della nostra prima squadra e la crescita tecnica esponenziale dei ragazzi più giovani inseriti oramai in pianta stabile con il gruppo senior. Nei prossimi giorni ci incontreremo con il prof. Cardaci per chiudere definitivamente l’accordo che ci vedrà insieme anche nella prossima impegnativa stagione sportiva”. Ecco le parole del tecnico, (regalbutese doc) Salvo Cardaci che evidenzia: “a Mascalucia mi sono trovato molto bene sia con la competente dirigenza sia con gli atleti che hanno regalato grandi soddisfazioni a tutto l’ambiente. Nei prossimi giorni vedrò lo staff dirigenziale della società e inizieremo a programmare concretamente la nuova annata sportiva che sarà molto impegnativa sotto tanti punti di vista. Non credo ci saranno problemi a chiudere l’accordo – conclude il coach – anche perchè ho deciso di tornare in Sicilia per rimanerci e questa realtà sportiva, così come mi auguravo al mio arrivo, possiede ancora notevoli margini di miglioramento sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista organizzativo”.