Malo rialza la testa contro l’Eppan

Dopo la brutta battuta d’arresto subita contro Molteno il Malo di Fabrizio Ghedin era chiamato a una prova di carattere e di cuore, e la risposta è arrivata, anche se non tutti i problemi sembrano risolti. Il Malo è sceso in campo dopo una settimana durante la quale si è cercato di chiarire alcune situazioni interne e alcuni meccanismi inceppati, conscio di giocare una partita  decisiva  sia per l’aspetto puramente legato alla classifica, sia per la credibilità di un gruppo che pur con l’alibi della gioventù e dell’inesperienza ha dato prova di grande capacità tecniche, ma anche di poca costanza  nelle partite fin qui giocate. Il Malo ha iniziato il match con la giusta determinazione; i ragazzi di Mister Ghedin pur sprecando in verità molte occasioni da rete, impattando contro un Michaeler in buona serata, sono riusciti da subito a prendere in mano l’inerzia della partita, con una difesa finalmente aggressiva e efficace (ottimo il rientro di Capitan Danieli tra i pali dopo l’infortunio) e a una buona gestione dell’attacco che con pazienza e lucidità riusciva a finalizzare le occasioni create. I bianco azzurri scavano un gap importante sul finire della prima frazione di gioco, decisive le 3 reti di Darko Pavlovic per dare 5 punti di margine sugli avversari.  Nella ripresa il Malo tiene a distanza di sicurezza l’Eppan fino al 50^, quando un break pericoloso porta gli ospiti a contatto con i padroni di casa (18 a 16 al 21^). Il Malo perde lucidità, forse memori di situazioni recenti i giocatori si lasciano prendere dalla frenesia e buttano via palloni importanti invece di limitarsi a controllare il vantaggio, ma ritrovano la concentrazione necessaria per gestire gli ultimi 3 min del match e chiudere la contesa sul +2 (25 a 23 il risultato finale). Moderata soddisfazione tra i bianco azzurri, il Malo ritrova morale e il pubblico tira un sospiro di sollievo; il lavoro è ancora lungo, Ghedin si dimostra felice della reazione dei suoi ma cauto nell’ottimismo: “Posso solo ripetere che il tempo delle parole è finito a Molteno: ora servono i fatti, per me e per i ragazzi. È stato bello vincere ma se non troveremo continuità, queste saranno gioie fini a se stesse. Quindi ringraziamo il pubblico per il sostegno ma siamo già concentrati sulla partita di Mezzocorona. Non è più il momento di analisi, dichiarazioni o calcoli: dobbiamo giocare partita per partita e dopo la doccia al termine di ciascuna gara, iniziare già a preparare la prossima sfida.”
Asd Handball Malo
Danieli (P/K), Marchioro 1, Bellini 4, Franzan , Marino 3, Cabrini, Berengan 3, Santinelli 2, De Vicari 1, Crosara, Iballi, Argentin 3, Pavlovic 7, Aragona 1. 
Allenatore : Fabrizio Ghedin
Dirigente : Romeo Grotto
ASV Eppan: Tschigg 2, Oberrauchc 2, Pikalek 4, Singer 7, Andergassen, Bertolot, Wiedenhofen, Pircher M. 4, Michaeler, Lang 1, Trojer-Hofer 1, Unterhauser, Jelusic 2, Haller. 
Allenatore: Marcello Rizzi
Arbitri: Dallabona – Plotegher
P.T. 13 – 8
Risultato finale : 25 – 23