Riorganizzati gli staff tecnici delle nazionali, Neven Hrupec allenerà l’Italia femminile

Terminata l’attività dei Club ed ultimati gli impegni relativi alle Qualificazioni agli Europei 2018 della Nazionale Senior femminile, dallo scorso 3 giugno, con l’Adriatic Cup al maschile, si è aperta una estate molto intensa di appuntamenti per le Squadre Nazionali. In particolare, le selezioni Senior maschile e femminile saranno impegnate nei Giochi del Mediterraneo di Tarragona in Catalogna (Spagna), mentre le rappresentative giovanili affronteranno importanti impegni sia nel Beach Handball, con gli Europei U18 maschilli e femminili, sia nell’indoor, passando per l’EURO Open U16 femminile e gli European Championships – 2^ Divisione U20 e U18 maschili. L’intensificazione delle attività internazionali, che vedranno impegnate, quasi in contemporanea, ben 7 selezioni nazionali, hanno determinato l’assunzione di alcune variazioni tecnico-organizzative già rientranti nella più ampia ridefinizione organizzativa del Settore Tecnico concordata con il Direttore Tecnico, Riccardo Trillini. In particolare, la Nazionale Senior femminile, a partire dal raduno programmato a Cingoli dall’11 giugno, sarà guidata da Neven Hrupec, allenatore croato, fresco di titolo italiano conquistato alla guida della Jomi Salerno e che, nella prossima stagione, si trasferirà in Polonia al Pogon, dove giocheranno anche il capitano della Nazionale, Monika Prunster, ed il pivot, Bianca Del Balzo. Hrupec si avvarrà della collaborazione tecnica di Paolo Baresi e della giovane allenatrice, ex giocatrice azzurra, Laura Avram. A tal proposito il Presidente Federale, Pasquale Loria, è intervenuto dicendo: “La scelta è ricaduta su Hrupec per il suo profilo professionale di rilievo internazionale e per la profonda conoscenza della pallamano femminile italiana maturata in questi ultimi anni, nei quali, prima ancora di essere il tecnico della squadra campione d’Italia, è stato già allenatore della Nazionale Senior, guidando l’Italia nelle Qualificazioni Mondiali 2015 contro Macedonia e Islanda, e collaboratore della Federazione nell’ambito del progetto Futura”. “Un ringraziamento particolare va ad Ernani Savini, che per motivi professionali, dopo l’egregio lavoro svolto a fianco di Riccardo Trillini nella riorganizzazione tecnica della squadra Senior femminile, rimane a disposizione della Federazione nell’ambito delle attività maschili che dal prossimo anno vedranno impegnati ben 4 gruppi/squadre: Nazionale Senior con le qualificazioni agli EHF EURO 2020, Under 21/Next Generation (squadra sperimentale), Under 19 e Under 17”.  Sempre nel settore femminile, la rappresentativa U16 che difenderà in Svezia i colori azzurri nell’ambito dell’EURO Open, continuerà ad esser guidata da Lilijana Ivaci con il supporto tecnico di Adele De Santis, responsabile della preparazione dei portieri, e di Elena Barani, che entrerà a pieno titolo nello staff azzurro e ricoprirà anche il ruolo di assistente tecnico del responsabile del Beach Handball femminile, Luigi Toscano. Alcune novità organizzative anche per quanto riguarda il settore maschile, dove a Jürgen Prantner si affiancheranno, in qualità di tecnici specialisti, Ernani Savini, come anticipato, e Giuseppe Tedesco, quest’ultimo con la responsabilità tecnica della selezione Under 18 (2000/01). Continueranno, inoltre, a svolgere funzioni tecnico-specialistiche trasversali i due giovani collaboratori del Direttore Tecnico, Sergio Palazzi (match analysis) e Fabrizio Tassinari (preparazione atletica). Individuato, infine, in Stefano Chirone anche il collaboratore tecnico del responsabile Vincenzo Malatino nel Beach Handball maschile che parteciperà con la squadra U18 agli Europei in Montenegro ed alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires nel prossimo mese di ottobre. A margine di tale riorganizzazione tecnica il Presidente FIGH, Pasquale Loria, ha concluso: “Da mesi, con il Direttore tecnico stavamo ragionando su una sistemazione degli staff in vista degli impegni estivi e dello sviluppo tecnico in funzione della prossima stagione. Molto lavoro è stato realizzato nei mesi passati e, lasciatemelo dire, con grande professionalità e qualità da parte di tutti. I prossimi mesi saranno determinanti per le sorti future del Movimento nazionale e quindi le energie e le professionalità andavano risistemate in funzione di un lavoro ancora più intenso e profondo basato sulla necessità di superare il più possibile una organizzazione a compartimenti separati e di favorire l’applicazione dei medesimi principi tecnico-metodologici a partire dalla formazione dei tecnici, dalla selezione del talento, fino alla gestione delle Squadre Nazionali. In quest’ottica vanno lette le variazioni ed integrazioni di questi giorni”.