A2 Femminile. La Città del Redentore travolge l’Handball Leno alla Palestra Polivalente.

Le Janas, dice la leggenda, non sono streghe e non sono fate, sono semmai entrambe le cose e, in quanto tali, hanno la prerogativa di fare magie. Ed è stata, davvero una partita magica quella giocata sabato alla palestra Polivalente, dove era in programma il big match del campionato di serie A2 femminile, e, in tanti, dall’incontro tra la Città del Redentore e l’Handball Leno, appaiate in vetta alla classifica, del girone A, si aspettavano scintille. Ma, a cose fatte, si può tranquillamente affermare che le aspettative sono andate, in gran parte, deluse, perché, in realtà, la partita non ha mai avuto storia e, oltre ad essere stata estremamente corretta, è stata caratterizzata da un predominio assoluto delle nuoresi La Città del Redentore parte subito alla grande, e trasforma nel peggior incubo di questa stagione, le speranze del Leno di portare a casa qualche punto, senza che, peraltro, da parte del Leno ci sia un benchè minimo accenno a una reazione che possa essere definita tale. Le janas, sono devastanti, e riescono a piazzare, nei primi, 15 minuti, un micidiale 13 – 0 che lascia frastornate
le avversarie; bisogna attendere il 15° minuto per vedere il primo gol di Leno. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 23 – 10. Il secondo tempo inizia con un sostanziale equilibrio tra le due compagini, con un Leno che appare, decisamente, più volitivo e ribatte punto a punto a tutti i gol delle barbaricine. Fino al 43° minuto, quando le Janas tentano un altro strappo e raggiungono il massimo vantaggio, portandosi a + 17 sulle avversarie. A questo punto, coach Mancini, decide di dare spazio alla panchina, concedendo minutaggio importante anche a chi gioca meno; ma non fa i conti con la voglia di riscatto del Leno e con una sorta di appagamento delle nuoresi che, ormai certe del risultato, tirano i remi in barca, giocano con il solo obiettivo di gestire il vantaggio e consentono alle lombarde, però, di riportarsi fino a un più dignitoso – 10. La partita si conclude sul punteggio di 40 – 30 e, a fine serata, dopo la gara tra la Leonessa Brescia e la Lions Sassari, consente alle Janas di prendere possesso della vetta della classifica; vetta condivisa con le Bresciane della Leonessa che, però, seppure a pari punti, devono cedere il momentaneo primato, per la differenza reti favorevole alle nuoresi.
Altra nota positiva è rappresentata da Giovanna Musina, capitano della Città del Redentore, che si colloca al primo posto della classifica delle migliori realizzatrici; e scusate se è poco. “Continuiamo a rimanere con i piedi per terra”, dice il presidente Gian Franco Gusai, “i nostri obiettivi di inizio
stagione non sono cambiati, ma prendiamo atto, con grande soddisfazione, degli ottimi risultati fin qui ottenuti dalla nostra squadra. Non sappiamo cosa ci riserverà il futuro ma, di sicuro, qualunque sviluppo possa avere questa straordinaria stagione, la Società farà tutto il possibile per sostenere, queste meravigliose ragazze e lo staff tecnico, di cui siamo estremamente orgogogliosi”. A questo punto, alla fine del girone di andata, la classifica vede Città del Redentore e Leonessa Brescia, in
testa con 10 punti, seguite da Leno e Cassano Magnago con 8, Raimond Sassari 4, Lions Sassari 2 e Ferrarin Milano a zero punti.