A2 Maschile. L’Arcobaleno Oriago spezza la maledizione del fanalino di coda nel girone A, battuto il San Vito Marano.

Sabato 11 dicembre si è tenuta a Mirano la partita tra le due squadre fanalino di coda della classifica della serie A2M girone A. L’ Oriago che fino la settimana prima era ultima in classifica, ha tentato l’impossibile per scrollarsi di dosso la sciagura che la vede in ultima posizione.
Il San Vito Marano si presenta con una squadra giovane e motivata a contrastare la squadra di casa, fin dai primi minuti Meneghello M. rifila due reti ai lagunari (0-2), ma Marsilio e Saccon subito rispondono portando al pareggio la gara (2 – 2), che fin dall’ inizio vede le squadre muoversi in campo con con velocità e risolutezza. Il rigore al 5° minuto per l’Oriago potrebbe dare il LA per un sorpasso ma il portiere del San Vito chiude lo specchio della porta, ci pensa Saccon al 5° min. che con freddezza insacca alle spalle del portiere una bella rete con un tirosottomano (3-2), il San Vito subito risponde e pareggia la situazione .
Il coach Leandri sprona i suoi a cercare soluzioni per andare a rete, coglie subito il momento propizio Lazzarin D, che nel giro di 3 minuti va a rete, con 3 opportunità colte in velocità, la prima in contropiede, la seconda con una bella girella dall’ ala sinistra, la terza con un tiro sul 7 della porta. E’ così che i lagunari si portano sul risultato di 6 a 3 (+ 3). I San Vitesi cercano di non perdere la distanza, ma l’Oriago con un gioco veloce e strutturato non si lascia raggiungere, e al 15° min il risultato di 9 a 6 conferma il gap guadagnato, autore delle reti dell’Oriago Saccon con 3 reti. Nella secondo quarto comincia la sofferenza, grazie a un San Vito che mette in campo un gioco pronto nel cogliere le opportunità di un Oriago più deconcentrato in questa fase di partita, si porta in parità al 25° minuto sullo score di 10 a 10, l’Oriago crea comunque opportunità in attacco, ma i continui errori ai tiri che impattano sul portiere e sulla parte alta della porta avversaria, danno merito ai Vicentini che si riattivano nella speranza di un sorpasso nel risultato della gara, e al 29° minuto grazie a un rigore il San Vito chiude il risultato del primo tempo con il risultato di 12 a 13.
Il secondo tempo rinforza il morale San Vitese che nel giro di 2 minuti incrementa il gap portando il risultato a tabellone di 12 a 15, i Lagunari si chiamano a raccolta e iniziano un duro lavoro per cercare di riportarsi sotto, inizia Saccon con una rete dai 7 metri, un’ azione di contropiede dà l’opportunità a Brozzola di superare il portiere con un bel pallonetto, anche Lazzarin D dopo aver rubato palla al terzino SanVitese si porta in attacco e beffa il portiere con una girella. Al 7° min del 2° tempo il risultato si attesta in parità 15 a 15, è Cellin M. che determina lì a breve la rete che porta il vantaggio di +1 dei lagunari, la partita comincia a infiammarsi sia sul piano del gioco e sia sul piano fisico, Cecili G. il portiere dell’ Oriago in questa fase è chiamato più volte a parate al limite del possibile, toglie con dei movimenti rapidi e intuitivi palle che potrebbero determinare negativamente il risultato finale, da portare con menzione una parata in tre tempi dove il terzino in fase di contropiede sul lato sinistro tira un fendente il quale viene respinto dal Cecili, quando la palla si stava infilando nel lato destro della porta il portiere lagunare con un tuffo sorprendente riesce a spostare la traiettoria fuori dalla linea estrema della porta, non pago velocemente si rialza e va con un altro slancio a deviare la corsa della palla diretta all’ ala destra avversaria guadagnando così la palla per un rilancio dell’Oriago. La partita comincia a infiammarsi notevolmente anche a bordo campo la tifoseria dell’Oriago non si risparmia per motivare i giocatori di casa, alcune scorrettezze determinano alcuni 2 min. da una parte e dall’ altra del campo, al 23° minuto si fa vedere Marsilio L. che un po’ sotto tono nel primo tempo, segna con 2 reti da posizione centrale, e con un passaggio dà l’opportunità a Saccon di rifilare la rete del 24 a 20 al 57° min.
Il San Vito si riorganizza e gioca a uomo gli ultimi minuti della partita, si risveglia l’incubo Dossobuono (partita di qualche settimana prima data per vinta negli ultimi minuti per l’Oriago e finita con un pareggio), la palla viene rubata ai veneziani più volte, portando il risultato a 25 sec dalla fine sul 24 a 23, la palla è in mano ai Veneziani il coach Leandri chiama il time out per spezzare il gioco al San Vito, al rientro è Lazzarin D. che sigla il +2 portando il risultato sul 25 a 23, non basta l’ultima rete all’ ultimo secondo per rientrare in partita alla squadra ospite, la partita finisce con la vittoria dell’ Oriago con il risultato di di 25 a 24.
Arcobaleno Oriago – San Vito Marano 25 – 24 (1°T 12 – 13)
Arbitri : COLOMBO A. – RIZZO C.
Arcobaleno Oriago: Marsilio L. 4, Spolaor G., Corradini M, Celin M. 3, Marasciulo J, Brozzola R. 1, Saccon L. 8, Giacomazzi E. 1, Favaro F. 2, Lazzarin D. (K) 6, Niero G., Cecili G. (VK). All. Leandri G.
San Vito Marano: Marchioro E., Ochnio A. 8, Fabris G. 7, Meneghello M., Cvijetic B. 2, Dal Maistro T., Dalla Riva N., Marangon D.Dalla Riva L., Imhenrion F., Barbuto F.L. 4, Marangon A., Mondin P., De Marchi A., Pietribiasi C. 3, All. Stedile R.