Alì Mestrino spreca tutto, Messana vince ai rigori

Altra grande occasione persa dall’Alì Mestrino, che spreca tantissimo gettando al vento una gara decisamente alla propria portata contro un Messana non eccezionale ma tenace quanto basta per vincere ai rigori. Ancora prive di Nichifor, nel primo tempo le gialloverdi alternano cose buone ad altre meno buone, tenendo discretamente bene in difesa ma peccando molto nella precisione al tiro, con errori non forzati a tu per tu con gli estremi difensori della formazione siciliana: la partita resta abbastanza ferma (5-5 al 15′), per sbloccarsi andando verso l’intervallo grazie ad un mini-break che porta il sette di mister Reghellin al riposo avanti di tre lunghezze (13-10). Nella ripresa ci si attende un cambio di passo delle padrone di casa, più giovani ed atleticamente più fresche delle avversarie, ma Messana addormenta il gioco e riesce a recuperare punto su punto, passando addirittura in vantaggio al 39′ (15-16). Mestrino è frastornato e, nonostante diverse ghiotte occasioni, riesce solo ad inseguire le avversarie in un tira e molla a lungo andare deleterio: verso il finale di gara le gialloverdi hanno la palla buona per riportarsi in vantaggio al 59′ ma la sprecano, subendo il contropiede delle ospiti e riuscendo solo a pareggiare prima dello scadere del tempo regolamentare (24-24). Alla lotteria dei rigori è il portiere ospite Cutufos a fare la differenza, ipnotizzando tre volte le rigoriste mestrinesi e regalando alle proprie compagne di squadra una vittoria quasi insperata per 26-27. «Alla luce dei fatti non possiamo parlare di punto guadagnato, ma di due punti persi in una partita che abbiamo incredibilmente buttato via. C’è tanta rabbia per la prestazione di stasera, dove si è visto una generale mancanza di temperamento, carattere, personalità» commenta deluso il vicepresidente Paolo Moretti. «Non riusciamo a fare risultati che sono assolutamente alla nostra portata, ma solo chi scende in campo può invertire questa tendenza: per raggiungere la salvezza, unico e possibile obiettivo, sono categoricamente necessarie tre vittorie nelle prossime tre gare, è ora di tirare fuori gli attributi a fatti e non solo a parole, e di prendersi le proprie responsabilità senza scaricarle ad altri.» Con mister Reghellin impegnato da oggi in Tunisia al seguito della Nazionale U17 femminile di scena all’MHC, le gialloverdi affronteranno con Giuseppe Lucarini la marcia di avvicinamento alla gara interna di sabato prossimo contro il fanalino di coda Nuoro, partita che ha il sapore dell’ultima spiaggia.

ALÌ MESTRINO-HC MESSANA 26-27 d.t.r. (13-10; 24-24)
ALÌ MESTRINO: Braga (p), Campagnaro 2, Casetti, A.Cazzola 2, F.Cazzola 1, Cogo 1, Marchionni 3, Marcon, Moretti (p), Pugliese 3, Rauli 5, Stefanelli 8, Zuin 1. All. Andrea Reghellin.
HC MESSANA: Scordo (p), Fini, Monaco, Dovile, Costanzo 12, Cutufos (p), Luciano 3, Bergallo (p), Medjedovic 5, Sciurba 3, Stefanovic 4. All. Placido Costa.
Arbitri: Di Domenico-Fornasier

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi