DA SETTEMBRE SI TORNA FINALMENTE ALLA NORMALITA? INTERVISTA AL COORDINATORE TECNICO DELLA SICILIA SALVO CARDACI

Da settembre si tornerà finalmente alla normalità? E’ la domanda che tanti, addetti ai lavori e non, iniziano a porsi dopo una stagione difficile che comunque sta finendo in maniera “quasi normale”. La massima serie nazionale ha fornito i suoi primi verdetti per l’assegnazione del tricolore (maschile e femminile) e le retrocessioni in seconda serie, mentre restano ancora due turni prima di definire le retrocessioni in A2 maschile. Definita la situazione inizieranno i play-off per le promozioni con tanta incertezza per il valore delle squadre e le ambizioni di chi in A1 vuole andare o ritornare. Vista la situazione epidemiologica e l’accelerazione sui vaccini non è affatto da escludere per la prossima stagione un ritorno alla normalità con la Sicilia che, proprio nei giorni scorsi, ha definito anche le vincenti dei vari titoli under. Sullo stato della pallamano isolana e sulle prospettive personali, abbiamo parlato con Salvo Cardaci, responsabile tecnico della Sicilia e, fino allo scorso dicembre, allenatore dell’H.C. Mascalucia in serie A2 maschile.

E allora a settembre si riparte davvero anche con il ritorno del pubblico nei palazzetti? “Pare proprio di si – dice il professore Cardaci – sono stati mesi tanto complicati per tutti ma la nostra Federazione nazionale e anche quella regionale hanno fatto del loro meglio per assicurare il normale svolgimento di tutti i campionati”.

Cosa succederà adesso, al completamento di tutte le attività, comprese l’assegnazione dei titoli di categoria?

“Tutte le società hanno già iniziato a programmare la prossima stagione e alcuni rumors di mercato parlano di trasferimenti e acquisti importanti soprattutto a livello di massima serie. In Sicilia credo che torneremo a vedere in campo almeno due squadre (Albatro Siracusa ad un passo dalla permanenza e Erice) in serie A1 maschile e femminile, mentre l’Aretusa, impegnata nei play-off per la promozione in A1 donne, sono certo che proverà con tutte le proprie energie a fare il salto di categoria. Per il resto – continua coach Cardaci – in A2 e serie B maschile saranno diverse le formazioni siciliane pronte a darsi battaglia”.

Stagione difficile e travagliata anche per lei che a fine dicembre ha lasciato la panchina del Mascalucia con cui ha vinto tanto in tre stagioni (due campionati di A2 e due titoli regionali nelle categorie under 17 e 19 nr.).

“Si è stata una decisione sofferta dovuta a problemi familiari e al covid che in un certo momento della stagione ha condizionato pesantemente l’intero gruppo che sono comunque onorato di aver guidato. Con il presidente Pagano e tutti gli altri dirigenti siamo rimasti in ottimi rapporti e sono persone davvero splendide a cui resterò legato per sempre”.

Ultima domanda: ha deciso dove allenerà e se allenerà la prossima stagione? Alcuni parlano di un suo possibile ritorno in A1.

“Sinceramente lo avrei potuto fare già nella passata stagione, ma dopo tanti anni passati ad allenare lontano da casa ho deciso di dedicarmi molto di più alla mia famiglia e al mio lavoro di insegnante e quindi ho deciso di restare in Sicilia. Tornare ad allenare? Qualche proposta concreta è arrivata, inutile negarlo, e se mi convincerà il progetto sportivo non escludo il mio ritorno in panchina. La pallamano purtroppo (dice sorridendo mister Cardaci ndr.) è troppo presente nel mio DNA e non sarà affatto facile rinunciarci”.

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi