Dorica, Guzzini: “Presto per i proclami ma è giusto sognare”

La Luciana Mosconi Dorica è una delle squadre che ha più impressionato in questo inizio di campionato di serie A1 maschile. Come lei l’Albatro Siracusa nel girone C ed il Trieste in quello A ma la squadra allenata da Andrea Guidotti si sta seriamente candidando al ruolo di “terzo incomodo” nella corsa alla vittoria del raggruppamento B. Carpi, Romagna ed Ambra sono dunque avvisate, la Luciana Mosconi Dorica fa sul serio. Il campionato dei marchigiani è partito alla grande con la roboante vittoria casalinga ai danni dell’Estense per 37 a 23, con Campana e Kattani sugli scudi con 10 e 7 reti siglate, per continuare positivamente in quel di Casalgrande con i tre punti conquistati con il punteggio di 30 a 28, ancora Campana top scorer in compartecipazione con Lucarini con 7 segnature. Il prossimo incontro li vedrà ospitare la neo-promessa Rapid Nonantola tra le mura amiche ad Ancona (Sabato 3 Ottobre alle 18.30 ndr) e la possibilità di volare a quota 9 punti è molto alta. Il presidente della compagine, Lorenzo Guzzini, parla così di questo interessante inizio di campionato “Non voglio fare proclami, credo sia ancora troppo presto, ma l’inizio è confortante e noi puntavamo proprio a partire così. L’obiettivo resta sempre la salvezza, meglio volare bassi, chiaramente lottare per i primi quattro posti è un traguardo che non vogliamo negarci e saremo ben lieti di rincorrerlo, sbaglieremmo. L’organico è buono, formato per la maggior parte da giocatori locali, siamo meno attrezzati di altre compagini ma il girone B è equilibrato così come tutto il campionato italiano. In casa diamo il meglio di noi stessi, trascinati dal pubblico, in trasferta fatichiamo un po’ di più come si è visto nel primo tempo di sabato scorso a Casalgrande, fortunatamente ci siamo ripresi nel secondo ma è stata una gara comunque lottata. Il nostro gruppo presenta Carpi e Romagna come favorite, secondo me, ma le altre sono più o meno sullo stesso piano. L’importante è preparare bene le partite e non mollare mai di tensione né di concentrazione perché ogni errore rischi di pagarlo caro. Il calendario dopo un inizio in parte soft ci mette davanti i tre scontri diretti per eccellenza con in mezzo la giornata di recupero, è dopo quest’incontri che sapremo fin dove potremo arrivare. La forza va dimostrata“. Siamo ancora agli inizi, dopotutto, ma se il buongiorno si vede dal mattino non c’è che restare ottimisti in casa Luciana Mosconi Dorica. Un grazie al presidente per la disponibilità da parte della redazione di HandballTime ed un in bocca al lupo per il futuro.

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi