Ferrara è perfetta al “Pala Boschetto”: severa lezione al San Vito

In casa della Giara Assicurazioni proprio non si passa. Ferrara mantiene inviolato il proprio catino e riduce ad una sola gara di ritardo la distanza dal 4° posto occupato da Torri. Al “Pala Boschetto” gli uomini di coach Laera, con una prova difensiva di grande spessore, piegano uno dei migliori attacchi del campionato e chiudono sul 28-22.

 

IL MATCH: Coach Antonj Laera opta per uno starting seven composto da Michele Rossi fra i pali, Gabriele Montanari, Ilya Crea e Davide Di Maggio sugli esterni, Federico Janni e Capitan Corrado Sgargetta sulle ali e Alessandro Baldo a completare in pivot.

L’avvio di gara è caratterizzato dalla partenza lanciata dei senatori emiliani: Michele Rossi chiude immediatamente la porta, mentre dall’altra parte del campo Davide Di Maggio e Corrado Sgargetta fissano il primo parziale sul 4-2 al 8′. Poi ad incendiarsi è Ilya Crea: il terzino scuola Pallamano 85 spara due missili dai 7 metri che rendono innocua la perdurante inferiorità numerica e permettono un nuovo allungo sul 6-3 al 11′. Il massimo vantaggio viene ritoccato ulteriormente da Federico Janni, in contropiede, e da Corrado Sgargetta per il 10-5 del 18′. Ad agevolare il tentativo di rientro degli ospiti una lunga serie di esclusioni per 2′ che permettono a San Vito di rientrare sino al -4, sul 12-8 (25′). La splendida volante fra Di Maggio e Crea e il contropiede di Janni permettono un nuovo allungo ai locali sul 15-9 al 28′. Lo show di Michele Rossi, con due parate altamente spettacolari su due contropiedi ravvicinati, aiuta Ferrara ad evitare scomodi rientri ed a chiudere il primo tempo sul 15-10.

San Vito, trascinata da Cavedon e Leiblich, ricuce sino al -3 in apertura di ripresa (18-15 al 41′). Rossi è il protagonista della serata e grazie alla parata, pre time out provvidenziale chiamato da coach Laera, chiude la falla e non intacca eccessivamente il margine di sicurezza. Con una giocata di esperienza ed astuzia, un rinato Fernando Marquez permette a Ferrara di uscire dal time out con il gol del nuovo +4 (19-15). Sempre l’argentino, all’altezza del 45′, trova una conclusione potente e precisa dai 10 metri, utile a superare una difesa ben schierata e vicina a riconquistare palla sotto regime di passivo. E’ il segnale per il definitivo allungo: Pedron e Zanghirati, entrati con il giusto piglio dalla panchina, mettono a segno le reti del +6, nuovo massimo vantaggio del match (22-16) che direziona definitivamente la gara al 49′. Le reti di Janni e Marquez, assieme alle parate di Rossi e del neo entrato Stagni, chiudono la contesa sul definitivo 28-22. Una buona prova di squadra, nella quale spiccano le prestazioni di Rossi, Janni e Marquez senza dimenticarsi di citare il match tutto generosità di Alessandro Baldo, sempre più a suo agio nel nuovo ruolo di pivot.

Prossimo impegno per la Giara Assicurazioni Ferrara, è calendarizzato per il prossimo sabato 4 Dicembre alle ore 18 al “Pala Bursi” contro la Pallamano Secchia Rubiera.