Ferrara United supera l’esame interno in casa contro Cassano Magnago

Il Ferrara United andava a caccia di una grande prestazione per scacciare i cattivi pensieri, dopo la sconfitta di San Vito, e, grazie ad una serata perfetta, ritrova in un colpo solo vittoria interna e sorriso. Due punti pesanti messi in cassaforte al termine di una gara molto vicina alla lode, caratterizzata da una difesa arcigna e dalla prestazione mostruosa di un Michele Rossi apparso in serata di grazia.

IL MATCH: Coach Lucio Ribaudo opta per uno “starting seven” composto da Michele Rossi fra i pali, Davide Di Maggio, Ilya Crea e Veselin Hristov sugli esterni, Giulio Nardo e Capitan Sgargetta sulle ali e Nerio Zaltron in pivot.

L’avvio di gara vede la partenza lanciata degli ospiti che al 7′ conducono sul punteggio di 1-3, nonostante le quattro grandi parate di Michele Rossi. A non funzionare, ma solo nelle primissime battute di gara, è l’attacco con conclusioni prese fuori ritmo e spesso in maniera affrettata. A reset avvenuto, basta un solo minuto all’United per cogliere la parità, sul 3-3, ed apporre alla gara un marchio proprio. L’ingresso in campo di Semprini alza il bastione difensivo e protegge al meglio un Michele Rossi che, come detto in precedenza, chiude la saracinesca. In attacco il peso realizzativo è preso in carico da un Davide Di Maggio apparso, specialmente in certi tratti della gara, in dominio assoluto della metà campo d’attacco. Toccato il massimo vantaggio sul +4 al 28′, la prima frazione di gioco si chiude sul 14-10.

Nella ripresa l’United cambia marcia e lascia al palo la giovane Cassano: Michele Rossi piazza una serie infinita di parate che annichiliscono un attacco lombardo capace di segnare solamente 4 reti in 28′ del secondo tempo. Dall’altra parte del campo gli scatenati Semprini, Nardo e Sgargetta, assieme a due perle del terzino Andrea Alberino, contribuiscono a scavare un gap che tocca le 13 lunghezze di scarto al 27 sul 27-14. Da segnalare anche l’ingresso vivace e positivo del giovane classe ‘2002 Alessandro Baldo in cabina di regia, nella parte finale del match: il centrale ferrarese si rende protagonista, oltre che di due marcature di pregevole fattura, anche di svariate combinazioni col pivot Nerio Zaltron che strappano applausi al folto pubblico del “Boschetto”.

Alla sirena il tabellone recita un eloquente 29-16 che consegna due preziosi punti al Ferrara United che permettono il sorpasso sul Crenna e l’avvicinamento proprio ai varesini. Se non fosse presente la penalizzazione di 5 punti l’United, ad oggi, si troverebbe al quarto posto in classifica. Prossimo impegno per Capitan Sgargetta e compagni è calendarizzato per Sabato 8 Febbraio, alle ore 20, in casa del Molteno.

TABELLINO

Ferrara United vs Cassano Magnago 29-16 (14-10)

Ferrara United: Grande, Rossi, Di Maggio 6, Crea 1, Sgargetta 4, Zaltron 5, Nardo 5, Semprini 2, Alberino 2, Hristov 1, Baldo 2, Waeil, Brancaleoni, Pastore, Castaldi, Saletti. All. Ribaudo

Cassano: Aldrovandi, Barbosu, Borghi, Bortignon, Graggion 3, De Luca, La Bruna 5, Moro 1, Panarotto, Pivenosti, Verlardita 6, Visentin 1. All. Battaglia

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi