Galluccio sul futuro e Bolzano-Romagna

Luca Galluccio ha ben figurato in questa stagione con l’Ambra sfiorando prima la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia e contendendo poi il secondo posto della Poule Play-Off ad una corazzata del girone B come il Carpi. Dopo un inizio difficile, la formazione toscana ha conquistato più di una vittoria prestigiosa ma l’intero ambiente, in queste ore, è scosso dalla notizia di una possibile mancata iscrizione al prossimo campionato di A1. Una sorpresa per l’intero movimento di pallamano italiana e su cui il tecnico, al primo anno alla guida della squadra, ha provato a dare una spiegazione: “Credo sia per motivi economici e di tempo, io sono un dipendente perciò non posso avere la certezza del perché si sia giunti a questa decisione, certamente pesante. Non so cosa farò, c’è sia la possibilità che torni al mio vecchio impiego da preparatore atletico che quella di cercare altre opportunità in giro. Sinceramente sono un po’ deluso dalla pallamano in questo momento, non so fino a che punto ne valga la pena insistere. Vedremo..”. L’allenatore ha comunque fatto il bilancio della stagione: “Abbiamo avuto un inizio difficile perché stavamo cambiando molto ed alcune situazioni sfavorevoli, come infortuni e problemi personali dei giocatori, ci stavano complicando le cose. Pian piano abbiamo compattato il gruppo e, complice anche l’arrivo determinante di Raupenas, ci siamo ripresi bene ed abbiamo battuto anche avversari importanti. Ai Play-Off abbiamo fatto il possibile ma evidentemente non potevamo fare di più”. Galluccio ha chiuso, infine, con una piccola analisi della Semifinale in corso tra Bolzano e Romagna: “Gli altoatesini sono una squadra incredibile, in tutti i ruoli c’è un giocatore pronto a prendersi le responsabilità delle giocate e questo fa la differenza. Sono comunque stupito di come siano andati ad Imola ad imporre in questo modo la loro forza, non sono stati per niente influenzati dal pubblico avversario e si sono portati anche sul +9. Romagna? Ho grande stima per loro, in questi anni hanno avuto un processo di crescita costante migliorandosi di volta in volta. Un progetto con quasi tutti ragazzi del posto portato avanti con coraggio ed impegno, contro il Bolzano hanno fatto il massimo ed anche in gara-2 non si arrenderanno facilmente”. E sulla possibile finale Bolzano – Fasano..”Vedo favoriti Sporcic&compagni, per me sono la compagine migliore d’Italia. Quella contro i pugliesi è, comunque, la sfida più equilibrata e con Riccobelli in forma ci si divertirà a guardarli giocare. In Puglia, si sa, non è mai facile..”.