Hac Nuoro vicina al colpaccio a Ferrara

Si mangia le mani l’Hac OjSolution, che a Ferrara sfiora la prima vittoria nel campionato di Serie A1. Alla fine le estensi si impongono con il risultato di 24-21, ma l’Hac può essere comunque soddisfatta per una prestazione eccellente, specie nella prima frazione, trascorsa per larghi tratti al comando nel punteggio. LA GARA – Le nuoresi approcciano la gara in maniera ottimale e per i primi 25 minuti si mantengono quasi sempre la testa dell’incontro. L’unico difetto della squadra di coach Deiana (tornato in panchina dopo la squalifica) sta nello scarso cinismo: in vantaggio di 3 reti, infatti, Basolu e compagne hanno l’opportunità di piazzare un break, ma si perdono a causa di qualche forzatura e un paio di errori dai 6 metri. Britos, tecnico di Ferrara, chiama il timeout per cercare di interrompere il momento di difficoltà, e la formazione ferrarese ne trae beneficio sorpassando a 60 secondi dal termine della prima frazione (decisivo, in questo frangente, anche un 2 minuti comminato a Notarianni). Al rientro negli spogliatoi, dunque, in vantaggio c’è l’Ariosto sul 12-11. L’approccio al secondo tempo non è dei migliori per l’Hac, che nei primi 7 minuti fatica a realizzare. Il piccolo momento di blackout consente a Ferrara di allungare fino al +6. Deiana interviene tempestivamente con il minuto di sospensione, evitando che le cose peggiorino ulteriormente. L’allenatore dell’Hac opera alcuni aggiustamenti (cambio di sistema difensivo e Radovic spostata al centro), e le cose cambiano rapidamente. La sfida, infatti, torna sui binari dell’equilibrio, con le barbaricine che tornano a contatto sul -2 spaventando le padrone di casa. Nel momento decisivo, però, la stanchezza e l’inevitabile gap di esperienza incidono, e l’Ariosto chiude i conti sul 24-21. All’interno di una prestazione di squadra molto positiva va sottolineata, in particolare, la prova della classe 2005 Filindeu, in campo con grande personalità e capace di offrire un contributo difensivo di livello. “La partita di Ferrara ci ha dato dei segnali importanti – spiega coach Deiana – la squadra sta crescendo, e ho la sensazione che, al di là della situazione di classifica, nelle prossime settimane sarà difficilissimo per tutti portare via dei punti da Nuoro. Dobbiamo continuare a lavorare con la massima serenità, sperando di non dover fare i conti con ulteriori intoppi. Nella seconda parte di stagione saremo in grado di giocarcela con tutti”.