Handball Scicli Social Club. Gialloverdi un po’ svogliati, escono sconfitti dal big match contro la prima in classifica Mascalucia.

Tabellino

AS IMPIANTI AETNA MASCALUCIA – ASD HANDBALL SCICLI SOCIAL CLUB  32-26

(PT 16-15)

AS IMPIANTI AETNA MASCALUCIA: Leonardi,  Somma G. 7, Somma D. 9, Cardella 2, Pistone, Trovato, Sciotto, Zappalà 6, D’Andrea 2, Battiato 1, Longo,  Giuffrida 5, Mirabella, Torrisi. Allenatore: Piero Pistone.

ASD HANDBALL SCICLI SOCIAL CLUB: Occhipinti, Ficili 4, Marino G.,  Marino B. 1, Dudija, Ballaera 5, Ciavorella 8, Carbone 4, Drago, Causarano 1, Costa.

Allenatore: Luigi Ciavorella.

ARBITRI: Michelangelo Manuele e Antonio Castagnino..

Sempre dietro nel punteggio i gialloverdi hanno offerto una prestazione opaca forse condizionati dall’inaspettato infortunio occorso in fase di riscaldamento al veterano Giovanni Marino che ha fatto saltare i piani tattici del coach e dalla giornata no del giovane Carbone che ha fallito diverse ghiotte e clamorose occasioni davanti all’estremo difensore etneo.

Nel primo tempo i gialloverdi hanno provato timidamente a farsi sotto, ma i padroni di casa con una tattica attenta sono riusciti a tenere a bada le sortite ospiti chiudendo il primo tempo con il parziale di 16-15.

Nella ripresa la gara ha continuato a giocarsi sullo stesso canovaccio della prima frazione e gli ultimi sette minuti sono stati appannaggio indiscusso dei padroni di casa, portandosi a più sei. E’ finita 32-26 e lo Scicli Social Club ha masticato amaro per aver peccato troppo in termini di precisione in fase realizzativa, fattore determinante per ottenere un successo, ma che avrà modo di rifarsi ben presto. Comunque, conservando ben salda la seconda posizione in classifica. Ora una settimana di pausa prima della ripresa del campionato (prima giornata di ritorno), sabato 17 dicembre, in casa del Girgenti.

“Abbiamo disputato una gara al di sotto delle nostre aspettative – ha spiegato il presidente Carmelo Ficili – frutto di un approccio alla gara sbagliato. Comunque, per noi non cambia nulla in quanto i nostri obiettivi rimangono sempre quelli di disputare in qualità di matricola un campionato dignitoso cercando di dare spazio per quanto possibile ai giovani locali facendoli maturare, a volte incappando in giornate negative come quella odierna”.