Il Putignano ingrana la quarta

Sabato 18 novembre la UISP’80 Pallamano Putignano ha portato a casa 2 punti che potrebbero risultare importantissimi nell’economia del campionando battendo l’Atellana con il punteggio di 27 a 24. Santoro e compagni rimangono così al secondo posto del girone in compagnia del solo Manfredonia. Infatti, nell’altro scontro di alta classifica della giornata, il Teramo, prossimo avversario dei rossoblù, è stato sconfitto dalla capolista Città Sant’Angelo e ha dovuto abbandonare l’affollatissima piazza d’onore rendendo ancora più importante l’incontro di sabato prossimo che si terrà presso il “Pala San Nicolò”. Intanto i ragazzi di mister Perrini possono gioire per aver mantenuto ancora inviolata la palestra della “Stefano da Putignano” e per aver superato un test importante nel suo cammino di crescita contro una squadra solida e determinata. Buona la prova di tutti i giocatori impiegati da mister Perrini i quali hanno svolto un’attenta fase difensiva concedendo pochi spazi ai campani anche durante i lunghi periodi della ripresa in cui il Putignano si è trovato a giocare con soli 5 giocatori di movimento a causa delle numerose esclusioni temporanee a cui è stata soggetta (ben 8 di cui 7 nel secondo tempo, record stagionale per la compagine pugliese). Il match si apre con la marcatura di Giuseppe Santoro che segnerà l’inizio di un momento favorevole per la UISP’80 che dopo 7 minuti è avanti per 5 reti a 2. I campani, però, iniziano a prendere le misure ai rossoblù e grazie ad una difesa abbastanza profonda si rifanno velocemente sotto, arrivando a toccare anche il -1. Il Putignano dal canto suo non si perde d’animo e con pazienza prova a ricreare una distanza di sicurezza nel punteggio. Ciò avviene quando il cronometro ha da poco superato il 15esimo minuto. Trascinati dai gol di Montalto, Fanizza e Santoro i rossoblù riescono a passare dal 7-6 al 15 – 9 con cui si conclude la prima frazione di gioco. La ripresa incomincia con ben 10 minuti in cui gli attacchi di entrambe le squadre fanno fatica a scardinare le difese avversarie. Difatti in questo lasso di tempo saranno segnati solo 4 gol, 3 dei quali, però, sono di marca campana. L’ Atellana sembra aver invertito l’inerzia della partita, ma nel momento cruciale dell’incontro i bianco-blu perdono qualche pallone di troppo in attacco esponendosi così al contropiede putignanese ben orchestrato da Cesare Laera e Luca Laterza. Grazie a questa potente arma i ragazzi di mister Perrini riescono a sopperire alle numerose espulsioni temporanee sopracitate e alla difesa sempre più profonda dei campani. Il distacco non molto ampio fa sì che la partita risulti combattuta fino alla fine e che diventi sempre più maschia con il passare del tempo. Un esempio calzante del nervosismo regnante in campo negli ultimi minuti del match sono gli ultimi 60 secondi. In questo lasso di tempo, in cui la UISP’80 si presenta forte di ben 3 gol di vantaggio, prima Santoro subisce un placcaggio da parte di un giocatore dell’Atellana non sanzionato dagli arbitri. Dalla quest’azione nasce una ripartenza durante la quale Cesare Laera stende in maniera sconsiderata un giocatore della formazione campana. Inevitabile è il rosso comitato ai danni dell’ala putignanese che così macchia una buona partita. In questo stato di confusione il triplice fischio è una manna dal cielo per il Putignano che così vince la partita con un soddisfacente 27 a 24. Per il Putignano non è arrivato ancora il momento di abbassare la guardia, perché la settimana prossima si recherà presso l’ostico campo del Teramo per affrontare una squadra che ha la seconda miglior difesa del campionato e che ci terrà tantissimo a riscattarsi davanti a propri tifosi dopo la debacle contro il Città Sant’Angelo. Sicuramente servirà la migliore UISP’80 per cercare di strappare i due punti ai ragazzi di mister Chionchio con cui l’anno scorso abbiamo registrato 1 vittoria e 2 sconfitte in campionato.

 

 

Ufficio stampa UISP’80 Pallamano Putignano