Julia Faig e l’Aretusa pronte al rush finale

Con 92 reti all’attivo è l’attuale capocannoniere del girone D di Serie A2 femminile di pallamano. Probabilmente anche degli altri tre gironi centrali e settentrionali vista la media realizzativa impressionante di Iulia Faig. La rumena della Pallamano Aretusa, però, non vuol concentrarsi tanto sugli score personali («mi fanno piacere ma fino a quando non me lo avevate fatto notare, non ci avevo fatto caso che ero la giocatrice con più reti realizzate…») – ha dichiarato la forte atleta al quotidiano La Sicilia – perché l’obiettivo è arrivare a Chieti. A fine maggio e inizio giugno infatti, si svolgerà la Final Eight per l’accesso alla Serie A femminile Beretta e per arrivarci la sua Aretusa deve ancora compiere un paio di step: «Battere Flavioni in casa intanto – dice coach Andrea Izzi – e vedere cosa farà alla stessa ora Conversano che giocherà a Salerno contro il Benevento». Tra le due formazioni c’è un margine di cinque punti di distacco: l’Aretusa è in testa con Teramo, le pugliesi inseguono ma hanno anche due gare da recuperare e teoricamente potrebbero trovarsi a -1. Domani accorceranno probabilmente il gap ricevendo Benevento in casa (il resto del turno osserverà riposo), fra sette giorni la quinta di ritorno potrebbe essere indicativa. «Ma noi non abbiamo particolari pressioni – aggiunge Faig – nel senso che sappiamo quanto valiamo e siamo concentrate in vista degli ultimi due impegni della regular season. Sperando ovviamente di prolungare la nostra stagione e arrivare a Chieti. Con i miei gol o meno, poco importa. Ho sempre realizzato tante reti nelle passate stagioni ma non ci ho mai fatto caso. Perché so che questo è anche il mio compito, oltre che lavorare insieme con tutta la squadra». E la squadra oggi è… squadra perché lo stesso Izzi insieme con il suo staff e Antonio Costa al fianco ha trovato una compattezza che ha fatto la differenza. «Ma non abbiamo ancora fatto nulla – ricorda – è vero che ci siamo posizionati in una condizione di vantaggio per cui siamo adesso padrone del nostro destino. Ma sul nostro cammino avremo ancora Flavioni in casa e Pontinia fuori. Dopodiché potremo tirare le prime somme. Ovviamente non posso non negare che la squadra è cresciuta tantissimo rispetto all’inizio del girone di andata e di questo va dato atto al nostro lavoro fisico e mentale ma anche a quello della società con il presidente Placido Villari in testa, perché ci sono sempre al fianco, ci coccolano e non ci fanno mancare mai nulla».

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi