La Cassa Rurale Pontinia supera Ferrara e blinda il quarto posto

L’HC Cassa Rurale Pontinia chiude il girone d’andata con una vittoria pesante. La squadra del presidente Mauro Bianchi supera 34-30 l’Ariosto Ferrara e consolida il quarto posto in solitaria nella classifica della serie A Beretta femminile, il massimo campionato italiano di pallamano. Panayotova e compagne hanno dominato la partita restando costantemente in vantaggio, anche con punte di sette lunghezze, hanno chiuso il primo tempo avanti (18-12) e hanno legittimato il successo concedendo alle avversarie solo alcuni break nel corso del match.
«Ci prendiamo il risultato e l’entusiasmo delle giocatrici anche se, in alcuni tratti, abbiamo perso un po’ di ordine in campo con la consapevolezza di giocare contro un avversario molto motivato e alla ricerca di punti per qualificarsi in Coppa
Nei primi 15 minuti abbiamo preso un bel vantaggio, c’era la possibilità di fare qualcosa in più: con il vantaggio di sette gol abbiamo perso un po’ di concentrazione, questo spesso lo abbiamo pagato. I nuovi innesti ci hanno dato subito fiducia e avrebbero fatto bene a qualsiasi altra squadra: Francesconi può approfittare di quello che si fa di buono in difesa, Costanzo-Serratto in alcuni momenti dirige le sue compagne da professoressa e, insieme a Barbosu, è molto importante per noi».
Quella ottenuta con il Ferrara è stata la sesta vittoria stagionale per la formazione pontina che sale a 14 punti, a meno sette dalla vetta e a meno due punti dal terzo posto.
«Devo fare i complimenti al Pontinia per la vittoria meritata, noi abbiamo sbagliato qualcosa in difesa, nel secondo tempo siamo stati più veloci e ci siamo avvicinati ma non è andata bene per noi» aggiunge coach Britos, del Ferrara.
Il Pontinia parte subito forte (7-3) trascinato da Panayotova e Squizziato, ma gli applausi del pubblico arrivano per Podda che centra la rete con una ‘girella’ da posizione molto defilata che infiamma il pubblico del Marica Bianchi di Pontinia. La formazione guidata da Nasta e Bellotti va avanti a strappi (18-11) e il Ferrara prova a restare in partita grazie al break che la riavvicina dal 19-13 al 19-15. Il secondo tempo vede il Pontinia brillante e il Ferrara più combattivo (26-20, 26-23) poi dal 30-23 (+7) Barbosu e compagne amministrano la partita e gestiscono il fisiologico ritorno del Ferrara fino al 34-30 finale realizzato da Bassanese che è tornata già in campo, seppur con le dovute cautele, per realizzare il ‘sette metri’ che inchioda il risultato definitivo.
«Abbiamo iniziato bene e spinto quando dovevamo così la vittoria finale è stata quello che volevamo: ho fatto pochi allenamenti, devo ancora inserirmi nel gioco, mi sto ambientando in un gruppo in cui c’è Romina Ramazzotti con cui ho già giocato per tre anni» aggiunge Nerea Costanzo Serratto.
«Il risultato è stato positivo, abbiamo dato del nostro meglio e ci sono stati degli alti e bassi ma non è stata una partita semplice – spiega Annagiulia Francesconi – Impatto positivo con società e squadra, mi sto trovando bene, gli allenatori ci hanno accolto in maniera positiva».