La Lupo Rocco Gaeta perde il derby contro il Fondi

Spesso le emozioni giocano brutti scherzi. E può capitare, soprattutto in un derby il cui pronostico, a prescindere dalla classifica, è scritto sulla sabbia, che quelle emozioni possano decidere l’esito di una gara. E se gli avversari sfoderano una prestazione in difesa praticamente perfetta, aiutati anche dalle parate di Maxi Soliani, diventa difficile aggiungere altro. La Lupo Rocco Gaeta, in un Palasport gremito di tifosi gaetani e fondani – spettacolo nello spettacolo -, è costretta ad arrestare momentaneamente la propria corsa dopo tre successi consecutivi, lasciando i due punti in palio agli “ospiti” dell’Hc Fondi, che accorcia così le distanze portandosi a -2 sui cugini biancorossi. Una gara in cui i rossoblù sono partiti subito col piede giusto, costringendo i ragazzi di Onelli ad una rincorsa completata solo in due casi, nei primi 14′ del primo tempo. Poi, nonostante le 7 reti di Bono, top scorer tra i suoi, D’Ettorre e compagni hanno sempre tenuto il muso avanti, fino al definitivo 23-25, grazie ad una difesa ermetica e attenta, una maggiore lucidità in attacco ed un super Soliani, autore di due parate decisive negli ultimi giri di lancette. LA CRONACA – Partenza molto contratta per la Lupo Rocco, che subisce tre reti consecutive, firmate dall’ex Filic e capitan D’Ettorre, senza riuscire a rispondere a tono. Passeranno infatti ben 8 minuti prima che Bono possa far rompere il ghiaccio ai suoi, subito seguito da Amato, per il 2-3. Il Gaeta capisce che la strada da seguire è quella giusta, e festeggia per due volte il pari, con Lodato, 4-4, e ancora con Bono, 5-5. Potrebbe essere il momento giusto per il sorpasso, invece sono ancora i fondani ad allungare (5-7), costringendo Onelli al time out. Poche indicazioni e il distacco torna ad essere minimo, rimanendo tale fino al 21′, 8-9. Ma a diventare protagonisti sono i troppi errori gratuiti dei gaetani, che permettono agli avversari di ipotecare un break di 5-3, mandando le squadre negli spogliatoi sull’11-14. L’inizio della ripresa è poco rassicurante, due rigori falliti, anche grazie allo zampino di Soliani, mentre l’Hc non si lascia sorprendere e rimane lucida, conquistando dopo 12′ il massimo vantaggio, 14-20. I biancorossi non si arrendono, pur dovendo fare i conti con gli infortuni di Gallo e Florio, e lavorano per ricucire lo strappo, riavvicinandosi al 21′ sul 20-23 e raggiungendo a 5 minuti dalla fine il -2, 22-24, grazie a Davide Ciccolella. Nel momento più delicato, però, il Gaeta rimane in doppia inferiorità numerica, e ad approfittarne è D’Ettorre, 22-25. Si continua a giocare stringendo i denti, tentando anche la mossa del portiere di movimento, ma a salire in cattedra è Soliani che abbassa per ben due volte la saracinesca, spegnendo le speranze gaetane di riaprire i giochi. Quando al 29′ Bono segna il 23-25, infatti, ormai è troppo tardi. «Ci è mancata la lucidità – ha commentato coach Onelli -, eravamo carichi ma non lucidi. Soprattutto nel primo tempo abbiamo avuto dei problemi in attacco e non riuscivamo a trovare gli spazi giusti. Siamo partiti in salita e ne abbiamo pagato le conseguenze fino alla fine. Avevamo preparato la gara in un modo, ma in alcuni momenti non siamo riusciti a fare quanto programmato. Bisogna, però, anche evidenziare quanto sia stato bravo il loro portiere nell’intero arco del match, ma soprattutto nell’ultima parte, quando ha chiuso la porta in momenti decisivi, rendendo tutto più complicato. Il Fondi ha giocato molto bene, in modo particolare in difesa, i ragazzi sapevano che sarebbe stata una partita difficile, ma è chiaro che questo risultato non pregiudica nulla». Sabato prossimo, 9 dicembre, la Lupo Rocco Gaeta, che scivola al 4° posto in classifica, andrà a far visita al Conversano, attualmente seconda della classe a quota 17 punti e reduce da 9 risultati utili consecutivi.

LUPO ROCCO GAETA – FONDI 23-25 (p.t. 11-14)

LUPO ROCCO GAETA: Amendolagine, Cienzo, Lombardi 5, Ponticella 1, Amato 4, Ciccolella D. 2, Lodato 1, Bono 7, Florio 1, Ciccolella A, Gallo, La Monica, Antonio Filipovic 2, Pantanella. All. Salvatore Onelli

FONDI: Scavone, Senani, Prota, Pestillo, Zizzo 5, Filic 5, D’Ettorre 7, Marrocco, Parisella, Matha 2, Conte 3, Dall’Aglio 2, Rotunno, Rigante 1. All. Giacinto De Santis

ARBITRI: Cosenza – Schiavone

ESPULSO: al 25’st Filic (F) per somma di esclusioni

Alessandra Aprile

UFFICIO STAMPA GAETA SPORTING CLUB