La Pallamano Mezzocorona sconfitta dal Cassano Magnago

Sconfitta interna per il Mezzocorona nell’ultima giornata del girone di andata del campionato Seria A Beretta femminile. Il 26-30 finale a favore del Cassano Magnago rispecchia senz’altro i valori espressi in campo, in un match dai due volti, segnato da un primo tempo nettamente dominato dalla squadra ospite e da una seconda parte di ripresa in cui le rotaliane hanno finalmente mostrato quella rabbia agonistica assente ingiustificata per almeno 45 minuti di gioco.

La prima frazione vede dunque le amaranto di coach Onelli prendere ben presto il largo, in virtù di una manovra d’attacco fluida e veloce e di una difesa che non fatica ad arginare le poco convinte puntate della squadra di casa, che non riesce a trovare con facilità la via della rete e latita inspiegabilmente in concentrazione. Il fischio della sirena ferma il punteggio sul + 8 per le lombarde, sancendo come detto una supremazia fino a quel momento indiscutibile.

Nella ripresa il Mezzocorona rientra sul rettangolo di gioco con maggior determinazione, sebbene per buona parte del secondo tempo il distacco rimanga sostanzialmente invariato. Poi, improvvisamente, le trentine escono dal torpore e con una veemente reazione cominciano gradualmente a ridimensionare lo svantaggio, trascinate da una scatenata Violetta Vegni (7 reti) e dalla martellante Ana Saranovic (miglior marcatrice dell’incontro con 9 gol). La formazione di casa sembra trasformata e, a 5 minuti dalla fine, il gap si riduce a sole due reti. L’inerzia della partita ora è tutta a favore delle rotaliane, che volano sotto la spinta di un rinnovato entusiasmo. Per contro la compagine lombarda sembra aver smarrito sicurezza e fluidità, risentendo psicologicamente della rabbiosa reazione delle avversarie. E si arriva al 56esimo: durante un attacco della formazione ospite gli arbitri sanzionano con 2 minuti forse troppo severi un normale fallo difensivo da parte di Aurora Gislimberti, che, uscendo dal rettangolo di gioco, rivolge qualche parolina di troppo al direttore di gara, incappando così in altri due minuti di sanzione aggiuntiva e costringendo le compagne a giocare in inferiorità numerica fino al termine dell’incontro. Ripreso il gioco il Cassano Magnago trova subito la rete, portandosi sul + 3, vantaggio che ad una manciata di minuti dalla fine ed in superiorità numerica torna ad essere incoraggiante. Per le ragazze di Sonia Giovannini, invece, il gol subito ha l’effetto di sgonfiarne la trance agonistica, fermando quindi la “remuntada” in corso. Così le lombarde, ritrovata serenità per lo scampato pericolo, riescono ancora ad allungare fino al 26 a 30 finale.

Ora pausa natalizia. Il campionato riprenderà sabato 15 gennaio, quando il Mezzocorona ospiterà la Jomi Salerno, formazione che occupa attualmente il secondo posto in classifica.