L’HAC Nuoro riporta in Sardegna Federica Casu

Il mercato dell’HAC Nuoro prosegue con un graditissimo ritorno: nel roster che parteciperà al prossimo campionato di Serie A1 ci sarà spazio anche per Federica Casu, di rientro in Sardegna dopo 6 anni trascorsI nella Penisola tra Teramo ed Erice.

Sassarese, classe 1995, Casu ricopre i ruoli di centrale e ala sinistra. Il suo percorso nella Pallamano è iniziato all’età di 7 anni grazie ai progetti scuola di Patrizia Canu, che l’ha presa sotto la sua ala nel settore giovanile della Sinergia Sassari. Nei 10 anni trascorsi con indosso i colori del sodalizio turritano, Federica ha avuto modo di esordire nel campionato nazionale di Serie A2, mentre nel 2013/14 – quando la squadra disputava l’A1 – una operazione alla spalla non le ha consentito di dare manforte alle compagne. L’appuntamento con il massimo campionato, però, è stato solo rimandato: nell’estate del 2014, in seguito allo scioglimento della Sinergia, è approdata per la prima volta a Nuoro, proprio in A1. La buona annata le è valsa quindi la chiamata di Teramo, compagine in cui ha potuto affinare ulteriormente le sue doti grazie alle preziose indicazioni di Settimio Massotti, autentico totem della Pallamano italiana. Dopo un triennio in terra abruzzese è arrivata quindi la chiamata dell’Handball Erice, compagine di Serie A2 che le ha permesso di progredire ulteriormente sotto la guida di un altro tecnico di spessore come il croato Milenko Kljajic. La prima stagione siciliana è stata positiva, con un rendimento di ottimo livello e la qualificazione ai playoff promozione. Quella appena trascorsa, invece, è stato pesantemente condizionato dagli infortuni. Lo scorso febbraio, in ogni caso, Federica è tornata in campo ed è stata subito schierata da titolare, ma lo stop ai campionati ha interrotto la sua rincorsa. Ora il ritorno a Nuoro per una nuova avventura in A1.

Sono contenta di tornare in Sardegna e in particolare a Nuoro – spiega Federica – credo molto nel progetto di Roberto Deiana e l’ho abbracciato senza esitazioni. Dopo 6 anni in giro per l’Italia mi sento maturata, sia come persona che come giocatrice. Massotti e Kljaijc mi hanno trasmesso davvero tanto, e ora cercherò di mettere in pratica quanto ho imparato. Arrivo a Nuoro animata da tanta voglia di riscatto: desidero dimostrare di meritare in pieno la categoria”.

Si tratta di un felice ritorno – commenta Roberto Deiana – Federica ha un gran talento, ma nel suo percorso è stata molto sfortunata. Ha dovuto combattere con problemi che l’hanno rallentata e non le ha permesso di esprimere in pieno il suo valore. Sono sicuro che arriverà animata da grandi motivazioni, e se starà bene potrà dimostrare tutto il suo valore. Si inserisce in un roster dalla forte identità sarda, e anche questo mi rende orgoglioso. Sono certo che ci darà una mano importante”.

 

fonte foto Joe Pappalardo

error: Il contenuto è protetto!