L’Hac OjSolution spaventa Mestrino

Nulla da fare per l’Hac OjSolution, che perde a Mestrino con il risultato di 23-20 e deve rimandare ancora l’appuntamento con la prima vittoria nel campionato di A1 Femminile. I 14 punti di distanza in classifica tra le due formazioni non si sono però visti durante i 60 minuti andati in scena in terra veneta. L’Hac, orgogliosa e compatta, ci ha infatti provato senza timori reverenziali, e nel finale ha spaventato non poco le più quotate avversarie, tenute a galla anche da un’ottima prestazione del portiere Luchin.

LA GARA – Nonostante la stanchezza dovuta al lungo viaggio e una rotazione inevitabilmente corta, in avvio l’Hac OjSolution tiene bene testa alle avversarie. L’inizio del match è infatti caratterizzato da un lungo punto a punto: dopo 2’30” le padrone di casa sbloccano la contesa con Stefanelli, ma Nuoro risponde immediatamente grazie a Sandra Radovic. Le padrone di casa provano a rompere l’equilibrio al 20′ con la rete in contropiede di Lucarini (5-3). L’Hac, però, si tiene a contatto grazie a capitan Basolu. La prima, vera, spallata alla gara, Mestrino, la dà poco prima del 20′, quando Pugliese regala alle sue il +3 provocando il timeout di coach Ciro Iengo. L’estremo difensore di casa Luchin è protagonista di numerosi buoni interventi, mentre dall’altra parte del campo le venete sfruttano il contropiede per continuare a realizzare fino all’11-6 che manda le squadre al riposo. Nel secondo tempo Mestrino sembra inizialmente in grado di scappare definitivamente via (Djiogap a segno per il 14-8), poi le barbaricine serrano le fila in difesa e, un passettino alla volta, si riavvicinano fino al -3 (15-12). Al 15′ le padrone di casa sfruttano la superiorità numerica (2 minuti ai danni di Basolu) per ricacciare indietro l’assalto grazie alle reti di De Marchi, Lucarini e ancora Djiogap. A questo punto la benzina inizia a scarseggiare per le nuoresi, che hanno però il grande merito di non arrendersi. La “girella” di Berni e il contropiede di Podda lanciano la rimonta dell’Hac, capace di portarsi fino al -2 a 90 secondi dal termine con un 7 metri trasformato con freddezza da Podda. Dall’altra parte, però, la formazione di Lucarini riesce a chiuderla con una precisa conclusione dall’ala destra di Sabbion che vale il definitivo 23-20. L’Hac torna in Sardegna senza punti, ma con la consapevolezza di aver giocato ancora una volta alla pari contro una delle favorite per la conquista dei playoff.

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi