L’HC Cassa Rurale Pontinia cede al Brixen nella semifinale scudetto

L’HC Cassa Rurale Pontinia parte bene ma cede nel corso del match perdendo la semifinale scudetto d’andata contro il Bressanone. Al fischio finale il risultato è di 23-31 dopo che il primo tempo s’era concluso con un solo gol di svantaggio (12-13) da parte del Pontinia: sabato prossimo la formazione del presidente Mauro Bianchi sarà impegnata in casa del Brixen per il match di ritorno mentre l’eventuale bella è già in programma domenica, sempre a Bressanone. «Il risultato sul campo non è stato positivo per noi ma la cosa che mi ha particolarmente colpito ed emozionato è stata la risposta massiccia del pubblico che ha sostenuto la squadra dall’inizio alla fine, questo è molto positivo per noi e per tutto il movimento – ha spiegato il presidente Mauro Bianchi – Abbiamo ancora la possibilità di giocarci la partita di ritorno e daremo il tutto per rappresentare al meglio il nostro territorio in un momento così importante della stagione». Il match è stato un’altalena di emozioni. «Abbiamo iniziato con il giusto atteggiamento, questo è sicuramente molto importante, poi nel corso della sfida è uscita fuori la loro esperienza, su questo dobbiamo ancora lavorare molto perché parliamo di errori che si possono correggere nel giro di pochi giorni – chiarisce Romina Ramazzotti, portiere del Pontinia – Non è finita, avevamo il vantaggio del pubblico ma non abbiamo saputo approfittare di questo: è la prima semifinale quasi per tutte noi, dobbiamo guadagnare esperienza negli attimi in cui la palla pesa di più e provare ad ambire sempre a traguardi più importanti».
«La sfida si era messa bene per noi, avevamo messo la partita sul binario giusto, eravamo molto concentrati e capaci di recuperare le prime palle in difesa anche se non siamo stati bravi a realizzare quelle situazioni in cui siamo riusciti a capovolgere le azioni e ci siamo persi in giocate semplici, trovandoci una super Pruenster davanti – ha aggiunto coach Giovanni Nasta a fine partita – Abbiamo commesso ingenuità, cercando gioco di fino o tocchi di classe, con questi avversari non è il caso di giocare così: il Brixen è stato più determinato e ha approfittato di ogni situazione portandola a proprio vantaggio, sono stati bravi a trasformare i nostri errori in cose positive per noi. Una serie di episodi le ha viste prevalere nel momento decisivo in cui noi dovevamo impedire tutto questo».
In avvio di partita il Pontinia è determinato e inizia affondando con intensità e velocità: nei primi sei minuti di gioco è proprio la squadra di coach Nasta a gestire il gioco (2-0). La sfida è molto intensa e il Pontinia resiste al ritorno delle avversarie (6-8) poi il Brixen affonda e sale fino al 6-10. Pontinia non si scompone e trova la forza per ricucire lo strappo: Panayotova, Conte e Squizziato arrivano al 9-12 e la bulgara confeziona un sottomano che fa esplodere il palazzetto dello sport Marica Bianchi per il 10-13. Il finale di primo tempo è tutto del Pontinia che recupera fino al 12-13. Il secondo tempo si apre con il Brixen più incisivo e con il Pontinia che pasticcia (13-16). Match sospeso per una manciata di minuti, a causa di un black-out elettrico, sul 13-17 a 6′ dall’inizio della ripresa. La formazione di capitan Ramazzotti prova a restare attaccata alla partita (16-22) ma l’esperienza e la maggiore precisione del Brixen sono decisivi (17-24, 20-28) per la vittoria finale.
HC CASSA RURALE PONTINIA – SSV BRIXEN SUDTIROL 23-31 (p.t. 12-13)
HC CASSA RURALE PONTINIA: Ramazzotti, Di Giugno, Cialei, Podda 3, Francesconi 3, Squizziato 3, Costanzo Serratto 1, Di Prisco, Conte 2, Colloredo 1, Bernabei, Rueda, Bassanese, Panayotova 9, Barbosu 1. All. Nasta
SSV BRIXEN SUDTIROL: Pruenster, Eder, Durnwalder 1, Schatzer, Abfalterer 2, Hilber 11, Di Pietro, Nothdurfter, Duran Morens 9, Ucchino, Babbo 7, Ghilardi 1, Rabanser, Fischnaller. All. Noessing
Arbitri: Merisi, Pepe (del. Pietraforte)