Lutto nel mondo della pallamano, è scomparso Roberto Petazzi

La società Cassano Magnago HC si stringe tutta intorno al proprio General Manager Massimo Petazzi ed alla sua famiglia per la scomparsa del fratello Roberto Petazzi.
Roberto, classe 1951, ha conosciuto la pallamano, come tanti cassanesi di allora, al Liceo grazie al prof. Freschi di Ed. Fisica il quale organizzava i tornei interni di pallamano.
Roberto ha rappresentato un pezzo importante della storia della pallamano sia Cassanese che Italiana, dapprima con il ruolo fondamentale per la fondazione della nostra società nel coinvolgere e far appassionare alla pallamano Mario Tacca che così lo descriveva nel 1978 quando il sodalizio nato pochi anni prima aveva già cominciato a farsi luce nel panorama nazionale guadagnando la promozione in serie A, Mario Tacca ricordò così il suo avvicinamento a questa disciplina, conosciuta allora a Cassano Magnago solo dai pochissimi addetti ai lavori: “Roberto Petazzi, coadiuvato dal fratello Massimo, mi aveva a più riprese magnificato questo gioco ed in un soleggiato pomeriggio d’estate riuscì a strapparmi un sì per sponsorizzare la squadra. Ripensandoci, questo sì lo concessi più per accontentare la loro insistenza che per convinzione verso la nuova attività sportiva in discussione. I nostri attuali appassionati non me ne vogliano. Non sapevo cosa fosse la pallamano. Adesso la conosco abbastanza e sono contento di aver creato qualcosa al riguardo”.
Dopo una breva ma intensa carriera da allenatore, Roberto fu l’allenatore delle prima formazione Cassanese iscritta al campionato di Serie C nel 1974, passava a svolgere attività dirigenziale sia nel Cassano ma anche e soprattutto in seno alla Federazione Italiana Giuoco Handball, lui fu il primo Presidente dell’appena costituito Comitato Lombardo nel 1975 guidandolo per vent’anni e ricoprì inoltre la carica di Consigliere Federale per 8 anni.
Non si fece mancare neanche l’esperienza editoriale, fu sempre lui tra gli ideatori e il direttore dell’ “Attaccatutto”, primo settimanale a parlare esclusivamente di pallamano, dapprima come foglio interno del Cassano e poi, cambiando il nome in “SuperHandball”, per parlare di tutto il campionato, esperienza pioneristica e lungimirante durata 7 stagioni dal 1977 al 1984, una sorta di Guerin Sportivo della pallamano.
Ruolo fondamentale anche quello svolto nei comitati organizzatori di eventi internazionali, tra cui svettano i Mondiali Gruppo C Femminili 1991, giocati al PalaTacca, con l’Italia promossa in Gruppo C.
Da quando il fratello Massimo, smessi i panni del giocatore, si è preso in carico la gestione della società nel 1996, è stato sempre suo fedele collaboratore e consigliere anche se il suo carattere compito e formale, che ai più poteva anche apparire severo, non lo spingeva ad apparire spesso in pubblico e tuttavia la sua infinita passione per il nostro amato sport lo ha portato a dedicargli una vita intera.
Persona sempre generosa e dai saldi principi, costretto ad interrompere gli studi per portare avanti l’azienda di famiglia, caparbiamente “riprende” il percorso universitario e lo completa successivamente conseguendo la laurea in Scienze Politiche alla soglia dei 60 anni.
Con Roberto perdiamo un pezzo importante della nostra storia sportiva, un amico, ma anche un faro da continuare a seguire grazie ai preziosi insegnamenti che ci ha lasciato.
Lo salutiamo lasciandovi una sua frase, tratta da uno dei suoi tanti articoli: “La pallamano non è una macchina senza cervello e senza cuore. Dirigenti, atleti, tecnici, arbitri non sono numeri: sono donne e uomini liberi!”
Ciao Roberto, grazie per quello che hai fatto e continua ad ispirarci nelle nostre scelte quotidiane.
nella foto Roberto Petazzi con il figlio Federico

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi