Metelli Cologne, quando il gioco si fa duro…

Un po’ ce lo aspettavamo. Del resto, se i valori in campo si equivalgono, bisogna soffrire fino all’ultimo. Questo scenario si era già in qualche modo profilato nel corso della regular season, quando il Bologna United aveva imposto la propria supremazia tecnico-tattica e la lotta al secondo posto divampava. Allora, gli avversari erano Cingoli, Oriago-Padova e Lions Teramo. Con i maceratesi che hanno avuto la meglio all’ultima giornata, per via della classifica avulsa. Oggi è rimasto Oriago e si sono aggiunti Siracusa e Fondi. Fermo restando che Brixen e Trieste sembrano davvero di un altro pianeta, per il terzo posto della Poule Promozione, l’ultimo utile per l’accesso diretto in serie A1, è guerra aperta. A questo punto, Cologne deve provare a cambiare il finale di una storia già vissuta. Memore di quanto è già successo, la squadra di Kokuca dovrà lavorare sodo, anche più di quanto fatto in passato e senza guardare ad altri risultati. Dovrà ritrovare le giuste motivazioni e giocare con orgoglio e serenità. La sconfitta al Palasport di Camisano ha fatto male ad una Metelli incerottata, è vero, ma l’impressione è che la benzina non sia ancora del tutto finita. E la settimana di riposo sembra fatta apposta per recuperare le energie fisiche e nervose. Ma, soprattutto, quella mentalità vincente da Metelli Cologne. All’orizzonte, c’è un obiettivo importante da raggiungere e i ragazzi hanno la possibilità di coglierlo. Come si dice, saranno arbitri del loro destino negli impegni casalinghi contro Fondi, Trieste e Brixen. Con una trasferta da brividi a Siracusa, nel mezzo, che contribuisce a spettacolarizzare questa fase finale della competizione.