Natale con la Youth League, Pasqua … pure!!!

In questa stagione ricca di impegni per la Joker UISP’80 Pallamano Putignano, le festività sono sinonimo di torneo nazionale under 20. Dopo il concentramento di Salerno, svolto a Natale, i rossoblù sono volati a Chieti dal 27 al 30 marzo per il secondo e ultimo atto del campionato under 20. Dopo aver affrontato a dicembre Fidelis Andria, Lanzara e Fondi, con uno score di 3 sconfitte su 3 incontri, gli avversari di turno per i ragazzi di mister Perrini questa volta sono stati il Campus Italia, il Cingoli, il Chiaravalle e il Camerano.

Per Alfarano e compagni l’unico obiettivo era quello di fare bella figura contro le altre squadre, sicuramente più abituate a contesti più alti, militando tutte nelle varie serie nazionali, senza badare troppo alla classifica, già compromessa. I rossoblù hanno risposto con un concentramento giocato in crescendo, male la prima partita disputata contro la squadra collegiale del Campus Italia e poi via via acquisendo fiducia nei propri mezzi fino alla inaspettata vittoria contro il Camerano nell’ultimo atto del girone.

Il Putignano chiude così a soli 2 punti questa fase del campionato, occupando la penultima piazza grazie alla migliore differenza reti rispetto al Chiaravalle. Oltre alla UISP’80 e ai marchigiani, la classifica finale vede escluse dalla Final 8 anche la Fidelis Andria e il Campus Italia, che nonostante il primo posto conquistato sul campo, da regolamento federale non può accedere alla fase ad eliminazione diretta che assegnerà il titolo finale. A contendersi la palma del vincitore saranno le 4 del girone sud: Lanzara, Camerano, Fondi e Cingoli e le quattro del girone nord: Romagna, Cassano Magnago, Brixen e Malo.

Tornando alla 4 giorni teatina, la stessa, come detto, si è aperta con una sfida difficile contro il Campus Italia, terminata 39 a 12 e in cui la Joker UISP’80 è rimasta in campo solo 10 minuti. Poi è venuto fuori il maggior affiatamento dei collegiali, che hanno iniziato a pressare i rossoblù stoppando le loro iniziative sul nascere e prendendo un ampio vantaggio già nel primo tempo, in cui il Putignano non è riuscito a segnare nessuna rete negli ultimi 20 minuti finali.

Il giorno dopo, 28 marzo, è stato il turno del Cingoli di mister Palazzi, ex di turno. Anche in questo caso Alfarano e compagni lottano punto a punto fino a metà del primo tempo, passando anche in vantaggio, ma alla distanza escono i marchigiani che chiudono la prima frazione sull’8-14 e poi chiudono la pratica con un finale di 20 a 30. Segnali importanti però sono arrivati dai ragazzi in campo, soprattutto dagli under 17 Barone, Saetta e Delizia impegnati dal primo minuto come terzini, che si sono potuti fare le ossa in un contesto sicuramente di livello più alto rispetto al loro campionato di appartenenza.

Nel terzo giorno di gara, invece, i ragazzi di mister Perrini hanno affrontato il Chiaravalle che era l’unica squadra, insieme ai rossoblù, ancora a 0 punti. La partita era importante non tanto per la classifica finale, in fondo ci si giocava solo il penultimo turno, quanto per il morale. Le due squadre hanno messo l’anima in campo per provare ad evitare il “cucchiaio di legno”, ma alla fine ha prevalso la maggior lucidità nei minuti conclusivi dei marchigiani che sono riusciti a centrare il break giusto dopo che il Putignano si era rifatta sotto anche grazie all’apporto di un Mario Lops reiventatosi centrale, pronto all’inserimento costante negli spazi come doppio pivot. Purtroppo al fischio finale il tabellone recitava 27 – 23 per il Chiaravalle e la prospettiva per Alfarano e compagni di arrivare ultimi a zero punti era più che concreta.

Citando per l’ennesima volta De Andrè “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”. E così dopo tre giorni di batoste ecco che nell’ultimo giorno, Sabato Santo, il Putignano tira fuori la propria migliore prestazione contro il Camerano, terza forza del girone. Una partita condotta in testa per larghi tratti e riaperta nel finale dai biancoazzurri che erano arrivati sul 20-20 dopo che il primo tempo si era concluso sul 15 – 8. Nonostante l’inerzia del match era dalla parte dei marchigiani, dopo un primo tempo condotto in maniera dispendiosa dai putignanesi, quest’ultimi a 3 minuti dalla fine hanno saputo gestire la pressione e alimentare la propria voglia di vittoria, con Delizia che prima causa una sospensione temporanea e poi serve il 21-20 a Mario Lops. Tornati in difesa la pressione alta dei rossoblù causa un’infrazione offensiva del Camerano che consegna una free-ball ad Alfarano e compagni che gli stessi sfruttano, con un bel tiro incrociato di Saetta. Ancora una azione di difesa e ancora una palla persa dai marchigiani per un passaggio fuori misura all’ala. Ultimo attacco ed è ancora Delizia a liberarsi dai 9 metri e trovare il 23-20 che porta anche il bollino finale di Dalena, bravo a chiudere lo specchio della porta in occasione dell’ultimo tiro dell’ala destra.

Un finale lieto che chiude un’esperienza quanto meno definibile come agrodolce, in cui si poteva raccogliere qualcosa in più, e l’ultima partita ne è la prova lampante, ma l’aver messo in mostra tanti atleti del 2007, ancora notevolmente sotto età, rende l’idea di un progetto ancora in corsa e decisamente futuribile. Sicuramente questa esperienza sarà un mattoncino importante per tutti i ragazzi, ma soprattutto per i più giovani che hanno ancora tanti anni di campionati giovanili davanti e che oggi hanno potuto saggiare e misurarsi in un contesto più grande che forse gli ha visto un po’ scottati, ma non bruciati e consapevoli che la scorza che si sono creati possa aiutare a superare le prossime prove del fuoco.

Guardando al mondo delle giovanili, non possiamo non segnalare, inoltre, l’ennesima grande prova della nostra under 13 che nel primo concentramento della seconda fase del campionato under 13, disputatosi a Putignano il venerdì 29 marzo, si è sbarazzata agevolmente del Conversano Femminile e della Polisportiva Serra Fasano con il risultato, rispettivamente di 11 -32 e 7 – 23. Il prossimo impegno dei ragazzi di mister Mirizzi sarà mercoledì prossimo, 10 aprile, contro l’Altamura, già battuta nel primo turno.

Infine passiamo agli eventi futuri con il campionato di serie B che ritorna dopo la sosta e dopo l’intermezzo della B Cup. Si riparte dall’Innotech Serra, capolista finora inarrestabile, che domenica prossima 7 aprile, farà visita a Laera e compagni. Fischio d’inizio alle 19:00. I rossoblù proveranno a sfruttare questo girone per provare a scardinare questo sistema “a caste” in cui le squadre sono ordinate in classifica secondo l’ordine rigoroso dettato dal fatto che ognuna ha saputo vincere solo con squadre in posizione più bassa e perdere con chi gli sta sopra, creando un ordinamento a scaglioni, che il Putignano proverà certamente a scompaginare.

Prima della serie B, ci sarà comunque spazio ancora per l’under 17, che sabato alle 17:15, farà visita agli amaranto dell’Innotech Serra per provare a tenere alta la fiammella della speranza. Dopo pochi giorni, mercoledì 10 aprile, Dalena e compagni faranno visita anche al Noci, terza forza del girone. Per l’under 15, invece, l’appuntamento è proprio per oggi 3 aprile con i ragazzi di mister Mirizzi che ospitano i pari età del Fasano, fanalino di coda del campionato.