Noci, Iaia: “Voglio un branco di lupi”

Chi vivrà questa prima giornata con grande entusiasmo sarà il Noci. La neopromossa compagine pugliese parteciperà al girone C del campionato di A1 maschile e come primo atto della nuova stagione la vedrà impegnata sul campo dell’Albatro Siracusa (sabato 24 Settembre ore 18.30 al Pala “Lo Bello” di Siracusa ndr), una delle squadre più forti non solo del raggruppamento ma dell’intero panorama nazionale, a detta di molti. Il “battesimo”, quindi, non sarà leggero ma sarà solamente il primo di una lunga serie di passi per raggiungere l’obiettivo societario: la salvezza. Alla guida della squadra ci sarà ovviamente Domenico Iaia che etichetta il suo gruppo come un “branco di lupi” evidenziando lo spirito che dovrà contraddistinguerli nel corso dell’intero torneo: “Dovremo avere tanta fame e volontà. Ogni gara sarà una battaglia e dovremo spingerci sempre al limite, quando i sessanta minuti saranno finiti non guarderemo il tabellone ma analizzeremo la prestazione perché non dobbiamo dimenticarci che siamo qui principalmente per crescere e migliorarci, sia come individui che come collettivo”. Il roster è rimasto pressoché invariato rispetto alla passata annata: “Siamo praticamente gli stessi dell’anno scorso eccezion fatta per gli innesti di Corcione, dal Conversano, del portiere Di Giandomenico, dell’italo-argentino classe ‘95 Piatti Fadda e del cubano Yailan Hechavarria, quest’ultimo però si è infortunato piuttosto seriamente e purtroppo dovremo fare a meno di lui per tutto l’anno. La preparazione, comunque, è andata bene, i test hanno evidenziato una squadra fortemente motivata e vogliosa. Le prime partite saranno molto difficili perché il fattore emotivo probabilmente avrà la meglio sui ragazzi, per quasi tutti è la prima esperienza in un torneo di massima serie perciò sarà complesso gestire le sensazioni, basti vedere il 7 base che vede due U18 ed un U16 di partenza. Alla mancanza di esperienza e di autostima dovremo sopperire con la grinta ed il pensiero che il campionato non si decide sabato ma tra tanti mesi. Siracusa? Ha allestito una squadra che punta alla finale scudetto. Credo sia l’organico più completo, con tanti cambi, dell’intera serie A1, possono veramente ambire a qualcosa di importante. Noi non vogliamo vestire i panni di vittima sacrificale, andremo lì per dar fastidio. Il campionato, come ho detto, è molto lungo ed anche la fortuna reciterà un ruolo fondamentale, nutro grandissime speranze sui miei ragazzi”.

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi