Per la squadra di Purromuto anche un aiuto dal cielo..

Nella sua regione, il mago della pallamano campana Maurizio Ifrigerio, non poteva steccare. Una prova muscolare quella offerta nel giorno delle votazioni tecnici/atleti; il poker di tecnici calato sul tavolo dei Grandi elettori dà l’esatta dimensione della spettacolare macchina organizzativa allestita per l’occasione. Che fosse l’Ifrigerio-day lo si è capito intorno alle 17 quando nei pressi della sede regionale del CONI, dove erano in corso le votazioni, è arrivato un pullman gran turismo con a bordo una quarantina di rampanti e determinati tecnici tutti provenienti dal distretto di Marano-Villaricca, l’Eldorado della pallamano campana, laddove si lavora a ciclo continuo per sfornare campioncini rigorosamente Under 12 che, però, causa un crudele destino, appena varcata la soglia dei 13 anni smettono di giocare. Spettacolare l’arrivo dell’esercito di tecnici, significativa la sfilata con in testa una suora, non si sa se anche lei tecnico votante o semplice accompagnatrice. Evidente lo stupore dei presenti, ma si sa un aiuto dal Cielo è sempre particolarmente gradito! L’armata Ifrigerio (ormai l’unica che si contrappone all’avanzata del Perimetro) in buon ordine, ha raggiunto il seggio e, disponendosi ordinatamente in fila, ha esercitato il sacro(!)santo diritto al voto. In quel preciso istante Laura Avram, valorosa atleta della PDO Salerno, quattro scudetti vinti da giocatrice e due titoli italiani Under 12 già in bacheca da allenatrice, si è arresa, ha capito che per lei non ci sarebbe stato spazio nel poker dei tecnici che rappresenteranno la Campania alle elezioni federali…. Ifrigerio con il suo luogotenente, l’insegnante Castrese Castaldi, deus ex machina del terzo circolo didattico Siano di Marano, aveva calato l’asso pigliatutto. A salvare la faccia “dell’altra” Campania (e della pallamano forse?) le due atlete della PDO Salerno, Antonella Coppola e Pina Napoletano e Luciani del Valentino Ferrara di Benevento tutti, rigorosamente, in quota atleti. E mentre a Napoli andava in scena il Marano show, a Genova tecnici e atleti liguri si arrabbiavano e tanto perchè dall’urna – in quota tecnici – veniva fuori a sorpresa il nome di Luca De Stefano, “carneade” della pallamano ligure, di cui fino ad ieri non se ne conosceva passione e militanza. Qualcuno, si racconta, ha detto che si trattasse di un allievo di Ifrigerio. Solite malelingue, le stesse che hanno accompagnato l’elezione dei tre tecnici in Lazio, dei due in Calabria, della signora molisana e domani del tecnico della Basilicata…

Alla resa dei conti, così, tra polemiche e risate, anche abbastanza crasse, è andato agli archivi anche il quarto giorno dello spezzatino-elezioni. I numeri non barano e danno il Perimetro in netto vantaggio 46 a 20. Ultima giornata di voto. Alle urne i Grandi Elettori di Puglia, Sicilia, Trentino Alto Adige e Basilicata…. 

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi