Pressano, il sogno continua! Domani è tempo di finale scudetto

La Pallamano Pressano CR Lavis completa l’impresa, ribalta la serie di semifinale Scudetto e conquista la finalissima della Serie A1 2018/2019. Un capolavoro quello confezionato dai gialloneri che già giovedì in gara 2, dopo aver perso gara 1 in Puglia, avevano mostrato di poter sconfiggere la squadra pugliese. Ancora una volta un Palavis infuocato e pieno fino all’ultimo posto ha saputo spingere la squadra di Dumnic, incitando con i propri boati Giongo e compagni per tutti i sessanta minuti. La squadra di casa ha saputo dimostrare carattere da vendere e nonostante la stanchezza ancora una volta è stato il secondo tempo a decidere il match. Il popolo giallonero in estasi si gode così un’altra impresa confezionata sul parquet lavisano: la “bella” è giallonera e Pressano vola in finalissima Scudetto con punteggio di 24-21, maturato tutto nella ripresa. Ora la testa va subito alla finale Scudetto, l’appuntamento più prestigioso della stagione che partirà già questo mercoledì 22 alle ore 18.45 al Palavis con gara 1 nel catino giallonero contro Bolzano. Clima da brividi e tanta tensione accompagnano i primi minuti di gara: Conversano segna per primo con Iballi ma Pressano risponde presente e con un break di 3-0 fa scaldare subito il pubblico. È un avvio più che positivo per la squadra di casa che si carica e capisce di avere un buon approccio col match ma Conversano risponde a dovere: ancora Maione segna e conquista sette metri, permettendo ai compagni di risalire la china fino a condurre. I pugliesi tornano avanti sul 5-6 e operano il primo mini break in contropiede sull’8-10, perfezionato in 9-10 di fine primo tempo. Un risultato basso che sottolinea i numerosissimi errori in attacco delle due squadre: i portieri non sono nemmeno chiamati alle parate tante sono le palle perse dai due “sette” in campo. Pressano mette il turbo: grazie alle parate di Sampaolo i gialloneri scattano in seconda fase e ribaltano il risultato. Rete su rete la squadra di casa viene trascinata verso il primo vero vantaggio, 16-13 con 7 reti nei primi sette minuti di secondo tempo. Tarafino chiama un timeout immediato ma non riesce a spronare i suoi. Pressano infatti resta avanti ma commette qualche errore di troppo nelle situazioni più semplici e Conversano resta in scia. La squadra giallonera riesce comunque a sventare la rimonta di casa: i pugliesi si innervosiscono ed è pane per Pressano che riesce a gestire meglio l’impeto conversanese, lanciato verso la rimonta. Sul 20-19 la difesa giallonera si erige a protagonista e con uno splendido Sampaolo fra i pali la squadra di casa respinge ogni tentativo. Gli ultimi 5’ sono palpitanti: attacchi sbagliati da una parte e dall’altra non cambiano lo score: solo uno scatenato Stabellini tiene in piedi da solo la propria squadra ma i locali reggono, Sampaolo para e nel finale Pressano incrementa fra le esplosioni di gioia del Palavis che impazzisce per le gesta dei propri beniamini. Soltanto negli ultimi 2 minuti si concretizza la vittoria: è 24-21 e Pressano vola in finale Scudetto dopo 6 anni. Il sogno tricolore è vivo ed ora da mercoledì la squadra trentina lancia la sfida ai biancorossi cugini del Bolzano, con cui ha conteso tutti i titoli.

Semifinale Scudetto – Gara 3

Pressano – Conversano 24-21 (p.t. 9-10)

Pressano: Facchinelli, Dallago 5, Chistè, Moser M. 2, Bolognani 2, Dedovic 3, D’Antino 4, Di Maggio 3, Mazzucchi, Fadanelli, Giongo 2, Sampaolo, Alessandrini, Argentin, Folgheraiter 2, Moser N. 2. All. Dumnic

Conversano: Hermones, Stabellini 9, Maione 4, Sciorsci, Laera, Giannoccaro 3, Lupo, Degiorgio, Di Giandomenico, Sperti 1, De Luca, Iballi 1, Beharevic, Pivetta 2, Orlovskis 1. All. Tarafino

Arbitri: Di Domenico – Fornasier