Romagna, caccia al riscatto nel recupero

Torna in campo questa sera il Romagna per disputare il recupero del match valevole per l’ottava giornata d’andata del girone B del torneo di serie A di pallamano maschile. Il Romagna è chiamato al pronto riscatto affrontando tra le mura amiche della Palestra Cavina (ore 19:30) il Città Sant’Angelo, attuale terza forza del girone. I padroni di casa sono chiamati a dimenticare in fretta la battuta d’arresto rimediata in trasferta nell’ultimo turno di campionato e, soprattutto, sono chiamati ad una prova d’orgoglio per potersi nuovamente rilanciare.  Una partita fondamentale anche per continuare a coltivare le speranze di primo posto e per capire quali ripercussioni avrà avuto la sconfitta imprevista di Tavarnelle. Il Romagna ha avuto poco tempo per recuperare psicologicamente da un risultato maturato in maniera rocambolesca e frutto di un’altra prestazione non all’altezza della fama che la squadra allenata da coach Domenico Tassinari si è creata in questi ultimi due anni. Occorre insomma resettare quanto accaduto nelle ultime apparizioni e tornare a lottare su ogni pallone contro gli abruzzesi dell’ex Mauro Martellini che il Romagna ritrova dopo diverse stagioni. Il Romagna per l’occasione dovrà fare a meno ancora una volta dei fratelli Folli ma ha dimostrato già in diverse occasioni di avere le qualità per imporsi e difendere il secondo posto in classifica. Sul banco degli imputati è sicuramente finita la difesa che nelle ultime due gare ha subito in media trenta reti, cosa questa mai accaduta nelle ultime stagioni e non solo… Nell’ultimo periodo, infatti, tante cose non stanno girando per il verso giusto in casa Romagna. Dall’altra parte ci sarà il Città Sant’Angelo guidato in panchina da coach D’Arcangelo, arrabbiato dopo la sconfitta rimediata dopo i tiri dai sette metri nell’ultimo turno di campionato contro il Carpi. Occhio tra le fila del Città Sant’Angelo al centrale argentino Pizarro ma anche a tutta la rosa italiana che ha dimostrato di essere di ottimo livello e soprattutto di essere notevolmente cresciuta nelle ultime stagioni.