SERIE A2: VIKINGS PAREGGIO INCREDIBILE CON CAMERANO

Guardi la classifica e vedi i Vikings al secondo posto, ancora imbattuti, a meno uno dal Teramo capolista. E quindi bene… Poi però analizzi le partite di questo inizio di campionato, e storci il naso. Perchè questa squadra ha mostrato fino ad ora una inconsistenza mentale inversamente proporzionale al suo valore tecnico. Ne è l’esempio lampante la partita di ieri on il Camerano, terminata per la cronaca in pareggio (20-20) ma che in realtà gli ospiti avrebbero strameritato di vincere. E che i marchigiani fossero più pronti con testa ad affrontare questa partita lo si capiva già dalle dichiarazioni di tecnico e giocatori alla vigilia del match: erano decisi, carichi, consapevoli di poter e dover fare una grande partita. Come poi hanno fatto sul campo. Ai Vikings manca proprio questa capacità di preparare mentalmente il match, di cominciare la partita già dal lunedì precedente la gara. La vittoria larghissima contro il modestissimo Ambra di sette giorni prima deve aver ancora una volta fatto pensare al gruppo rubierese di essere comunque più forte… troppo forte… Ma nello sport non puoi permetterti di ragionare così.
Ieri al PalaBursi è stata una prestazione estremamente deludente dei rubieresi. Non che non abbiano dimostrato carattere, anzi, ma se vuoi veramente provare a giocarti la promozione non puoi permetterti di scendere in campo con la supponenza di chi, essendo più forte, da per scontato il successo.
E infatti, visto che la testa spesso e volentieri conta anche i più della tecnica, il Camerano per 56 minuti ha fatto quello che ha voluto, costringendo Rubiera a giocare al suo ritmo e ingabbiando l’avversario. E così dopo un primo tempo faticoso i Vikings sembravano affondare nella ripresa: sotto 13-18 al 50°, ancora a meno 4 al 56° (16-20). Poi l’improvvisa vampata d’orgoglio, e l’altrettanto improvvisa paura di vincere degli ospiti. In 3 minuti parziale di 4-0 per Rubiera e la partita che si chiude sul 20 pari. Pareggio d’oro per i Vikings, di certo rammarico immenso per Camerano.
Sabato prossimo c’è il derby con Casalgrande, sempre al PalaBursi. Casalgrande che in questo turno ha fatto lo scalpo all’ex capolista Tavarnelle mostrando grandissimi attributi. Servirà un deciso cambio di rotta da parte della squadra rubierese per strappare i due punti e soprattutto per svoltare in campionato.

VIKINGS RUBIERA – CAMERANO 20-20 (p.. 9-10)
VIKINGS RUBIERA: Salati, Rivi, Filippini, Barbieri 1, Bartoli D., Bartoli R. 1, Benci 3, Bonassi, Bortolotti, Garau 1, Giovanardi 3, Oleari, Panettieri 4, Patroncini 5, Pedretti 1, Strada 1. All.: Galluccio.
CAMERANO: Sanchez, Osimani, Antonelli, Badialetti 2, Bilò, Boccolini 2, Covali 5, D’Agostino 2, Francelli, Gardi, Giambartolomei, Grilli 3, Manfredi 2, Marinelli, Scadali, Selmani 4. All.: Campana.
ARB.: Russo e Testa di Merano
Note. Sette Metri: Rubiera 2/3, Camerano 2/2. Minuti di eslusione: Rubiera 2, Camerano 8.

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi