Serie -Cup, nella 1^ giornata la Pallamano Putignano battuta dalla Fidelis Andria.

Sabato 21 gennaio è andata in scena la prima giornata della B Cup, il nuovo torneo che vede impegnate le 7 squadre iscritte al campionato di serie B maschile girone Puglia – Calabria che si sfideranno tra questa fine di gennaio e per tutto il mese di febbraio per conquistare il trofeo di area. Le suddette compagini sono state divise in due gironi, uno da 4 e uno da 3 squadre, con calendario all’italiana con partite di sola andata. Le prime due di ogni girone si sfideranno in semifinale secca e poi nella finale. La composizione dei raggruppamenti è stata stilata in base alla classifica del campionato dopo la fine del girone di andata e pertanto abbiamo:

Girone A: Noci, Altamura, Innotech Serra.

Girone B: Fidelis Andria, Fasano, Crotone e Joker Putignano.

In questa prima giornata, come ogni coppa che si rispetti, non sono mancate le sorprese con l’Altamura che ha soverchiato il Noci per 24 reti a 18, infliggendo alla capolista del campionato la prima sconfitta stagionale che rende già in salita la rincorsa al trofeo, e il Fasano corsaro a Crotone per 25 a 29. Pronostico invece rispettato nell’ultima sfida di giornata che ha visto impegnata la Joker UISP’80 Pallamano Putignano contro la Fidelis Andria con i ragazzi di mister Colasuonno che sono riusciti a portare via dalla palestra della “Stefano da Putignano” due punti importantissimi nell’economia del girone. Tinelli e compagni devono registrare così l’ennesima sconfitta stagionale, forse tra le più amare dell’anno.

Il 20 -21 finale rende bene l’idea di una partita combattuta fino alla fine e affrontata dai padroni di casa con un piglio nettamente diverso rispetto a quello quasi rinunciatario della sfida in campionato in cui l’Andria aveva largheggiato. A differenza del match di dicembre i rossoblù sono riusciti a limitare le palle perse limitando al minimo le occasioni di contropiede degli ospiti che nella precedente sfida avevano banchettato sugli errori portando più volte Guglielmi a tu per tu con il portiere in situazione di capovolgimento di fronte. Questa forse è la miglior cartina di tornasole per la Joker UISP’80 che in queste ultime partite sta dimostrando di aver intrapreso un cammino di crescita tecnico-tattica e anche di gruppo, riuscendo a trovare passo dopo passo il migliore amalgama tra i giovani e i veterani. D’altronde che le sconfitte siano le migliori maestre è un dato di fatto a patto che siano unite a perseveranze e dedizione. D’altronde lo stesso Edison ha impiegato 10000 tentativi prima di trovare il giusto metodo per costruire una lampadina.

Per la partita di sabato Mister Nebbia ha recuperato Palmisano che ha preso subito il suo posto tra i pali, ma ha dovuto comunque fronteggiare la pesante assenza di Losavio, fermato dall’influenza. Senza il suo perno offensivo la Joker UISP’80 ha inizialmente stentato faticando all’inizio a trovare anche solo la conclusione verso la porta neroazzurra. Fortunatamente per i padroni di casa anche la Fidelis Andria non ha avuto un inizio particolarmente sfolgorante sebbene il doppio vantaggio accumulato. Il primo gol dei rossoblù arriva solo al sesto minuto con una bella scalata conclusa dal solito Carone. Poi finalmente scalda il braccio Laera e il Putignano agguanta il pareggio al decimo minuto. Per Laera è solamente l’inizio di una giornata di grazia che lo ha portato a segnare ben 9 gol, quasi tutti da fuori i 9 metri, ingaggiando un duello a distanza con Zagaria A. che però si è fermato a 7 reti, anch’esse per la maggior parte dalla lunga distanza. Raggiunto il pareggio il Putignano subisce però una serie di esclusioni a temporanee in sequenza, saranno ben 8 alla fine dei 60 minuti, che permettono agli ospiti di piazzare un break importante di 6 reti consecutive. Sull’orlo del burrone i ragazzi di mister Nebbia trovano la forza di reagire attraverso una risposta corale, che porta al gol quasi tutti gli interpreti, aiutati anche dalle parate dei portieri. Alla fine la prima frazione di gioco si chiude sul 10-12 con un trend rossoblù in crescita e la partita più che mai aperta.

Il secondo tempo parte infatti con l’immediato pareggio dei padroni di casa, che però sulla situazione favorevole sembrano avere il cosiddetto “braccino” che li fa sbagliare alcuni palloni chiave e riporta la Fidelis Andria sopra nuovamente di 1-2 lunghezze. Nel lungo tira e molla della ripresa il Putignano recupera ancora il pareggio a metà tempo, salvo poi andare nuovamente sotto, con i neroazzurri migliorati dal rientro in campo di Marmo dopo un leggero infortunio subito nel primo tempo. Gli ospiti scavano un solco che sembra incolmabile segnando il 17-21 al 25esimo. Con Tinelli e compagni ancora in inferiorità numerica è Palmisano a tenere a galla i suoi ipnotizzando i tiratori andriesi su rigore per ben tre volte di fila. Nei concitati minuti finali il Putignano spinge e riesce recuperare parte del gap trovando le reti del 20-21 con Laera, Carone e Bianco. Purtroppo nel concitato assalto finale che sarebbe valso il pareggio per la Joker UISP’80 Laera, secondo l’arbitro, commette fallo pregiudicando il forse meritato pari per quanto visto in campo.

Piccola nota a margine è proprio per la condotta della coppia arbitrale che, ad avviso dello scrivente, è stata autore di una prova, per così dire, abbastanza sottotono. Lungi da dire che il Putignano ha perso per colpa degli arbitri, in quanto nei primi minuti in particolare ed in alcuni passaggi del secondo tempo i rossoblù avrebbero dovuto far molto di meglio per vincere la partita. Inoltre non è nostra abitudine contestare in queste analisi le scelte delle giacchette nere, ma davvero questa settimana abbiamo assistito ad un qualcosa di veramente poco bello, se proprio si vuole usare un eufemismo.

Chiuso il discorso Fidelis Andria, ora la Joker UISP’80 ha una settimana di tempo per preparare la prossima partita che sarà già un dentro o fuori da questa B Cup. Domenica prossima infatti Tinelli e compagni andranno a Fasano per sfidare la formazione guidata da mister Realmonte che invece con una vittoria conquisterebbe l’accesso quasi automatico alle semifinali. I ragazzi di mister Nebbia dovranno dimostrare che il cammino di crescita che stanno intraprendendo da qualche partita a questa parte non si sia stoppato, ma anzi si sia rilanciato. Ricordiamo che in campionato, sempre a Fasano, i locali vinsero il match per 23 reti a 22.

Joker UISP’80 Pallamano Putignano vs Fidelis Andria: 20 -21 (10 – 12 PT)

Putignano: Bianco 2, Capobianco, Carone 6, D’Alì 1, Delizia, Frittoli, Gialò, Impedovo, Laera 9, Lops, Mele 2, Romanazzi V., Tinelli, Dalena, palmisano, Romanazzi R.; All. Nebbia;

Andria: Paradiso, Zagaria A. 7, Marmo 3, Di Liddo, Del Giudice, Cavaliere 5, Regano, Dentico, Leonetti 1, Zagaria E., Tesse, Guglielmi 5, Terlizzi, Cannone; All. Colasuonno;

Arbitri: Lorusso A. – Fasano;

Classifica girone: Fasano, Fidelis Andria 2; Crotone, JOKER PUTIGNANO 0.