Svanisce a 3 secondi dalla fine il sogno del titolo regionale per la Pallamano Aretusa

Nella finale disputata a Petrosino contro i padroni di casa del Giovinetto, organizzatori della manifestazione, i giovani aretusei si sono dovuti arrendere, al termine di un incontro tiratissimo, spettacolare e dagli alti contenuti tecnico-tattici , ai padroni di casa che con una rete a 3 secondi dal termine hanno agguantato la vittoria con il punteggio di 26 a 25. “La partita è stata decisa nei 120 secondi finali da episodi casuali che avrebbero potuto dare la vittoria a l’una e all’altra squadra e che hanno finito per premiare i nostri avversari” questa la dichiarazione a caldo del tecnico siracusano Alfio Settembre. “E’ stato un incontro bellissimo che ha appassionato gli oltre 500 spettatori presenti sugli spalti e che a detta anche dei tecnici presenti è stato di altissimo livello per la categoria. Più forti fisicamente loro, più tecnici e organizzati noi. Equilibrio per tutto l’incontro con vantaggi minimi dall’una e dall’altra parte sempre ricuciti fino ai concitati secondi finali”. “Sono orgoglioso dei miei ragazzi; di fronte ad un avversario forte, che giocando in casa aveva dalla sua la spinta del pubblico, in un clima molto caldo, sono riusciti a giocare un’ottima pallamano fatta di gambe, cuore e testa, che ha riscosso il plauso di tutti i presenti fino alla standing ovation tributata loro da tutti i presenti al termine dell’incontro”. “A dimostrazione della qualità espressa abbiamo vinto tutti e 3 i premi speciali previsti dall’organizzazione: Lorenzo Carnemolla quale miglior portiere, Simone Faraci capocannoniere e Riccardo Bruni quale miglior giocatore. Ma tutti sarebbero da premiare per l’impegno, la grinta, la qualità dimostrata in questa due giorni di pallamano e per quanto fatto durante tutto l’anno. Una sconfitta è sempre difficile da metabolizzare ma può e deve servire per andare avanti e migliorare. Ai fini del nostro progetto questo non cambia di un virgola la validità dello stesso, perdere a 3 secondi dalla fine una finale può essere, ed è, motivo di delusione ma non di giudizio. Abbiamo aggiunto un altro tassello alla crescita non solo “professionale” ma anche personale di questi giovani atleti e continueremo a lavorare dandoci sempre obiettivi massimi, a partire dalla partecipazione al festival della pallamano di Misano Adriatico del prossimo 2 luglio. Questi il tabellino: Carnemolla L, Pugliara, Carnemolla G, Izzi (8), Bruni (9), Santoro, Giuliano (2), Parisi, Faraci (5), Caramagno (1), Yatawarage, Vasquez, Bellamacina, Accolla, Pistritto,