Tra Carpi e Teamnetwork Albatro termina 32 – 28. Coach Reale: “Sconfitta da analizzare”.

CARPI – TEAMNETWORK ALBATRO  32-28 (17-18)

 

CARPI: S. Serafin 3, Kasa 10, Coppola, Nocelli 1, Gollini, Ben Hadj Alì, Carabulea 1, Sortino 4, Dalolio 3, Ceccarini 5, Soria 5, Cascone, Haj Frej Samah, Haj Frej Selmi, Jurina. All. Davide Serafini

TEAMNETWORK ALBATRO: Bianchi 4, Burgio, Bobicic 3, Cuzzupè, D. Glicic 6, M. Glicic, D’Alberti, Gorela 8, Mantisi, Martelli, Murga, Mincella, Ricciardo, Souto Cueto 4, Vinci 3, Zungri. All. Fabio Reale

 

Carpi, 17 dicembre ’22 – La partita della Teamnetwork Albatro finisce al 48°. Siracusani in vantaggio di 5 reti (23-28) e Carpi in chiaro affanno dopo il buon inizio dei blu arancio nella ripresa. Quindi l’imprevedibile con il sette di Serafini capace di un parziale a proprio favore di 9 a 0.

Siracusani che non riescono più a reagire fermati anche, in più occasioni, da una difesa avversaria che sembra ringalluzzita gol dopo gol. Il Carpi diventa più aggressivo nelle marcature e, in qualche caso, questo atteggiamento viene graziato dalla coppia arbitrale. A 3 minuti dalla sirena, infine. il sorpasso.

Teamnetwork Albatro che non riesce più segnare nonostante i tentativi continui in avanti. Tiri che si infrangono sul muro difensivo di casa e qualche infrazione di troppo che concede respiro e linfa agli uomini di casa.

“Una sconfitta da analizzare – commenta al termine coach Fabio Reale – I ragazzi hanno retto bene per tre quarti poi, insieme ai nostri sbagli, abbiamo sicuramente pagato la difesa più aggressiva del Carpi e anche il metro di giudizio degli arbitri, in qualche occasione, ci ha innervositi un po’.”