Vittoria a Malo: Ferrara United a gonfie vele con un super Rossi

Senza penalizzazione, quella di Malo sarebbe stato uno spareggio con vista sui play off. In terra vicentina l’United gioca 60′ da batticuore, giustamente premiati con l’intera posta in palio. In una gara di classe e carattere, nella quale tutti meriterebbero una menzione speciale, impossibile non issare su un gradino maggiormente visibile un Michele Rossi “fuori categoria”.

IL MATCH

Coach Lucio Ribaudo, a caccia di un’importante vittoria esterna, opta per uno “starting seven” composto da Michele Rossi fra i pali, Davide Di Maggio, Ilya Crea e Veselin Hristov sugli esterni, capitan Sgargetta e Giulio Nardo sulle ali e Nerio Zaltron in pivot.

I primi 25′ sono un saggio di pura pallamano da parte dell’United, su ambo i lati del campo. Ferrara domina, senza possibilità di replica blindando la porta con un mostruoso Michele Rossi e trovando svariate soluzioni offensive, utili ad ampliare il divario sino al +8. Al 15′ l’United tocca il 3-7 con Nardo che, grazie ad una doppietta, permette il primo vero allungo della gara e costringe il coach locale al primo time out. Dalla sospensione Malo esce tutt’altro che rinvigorita ed il parziale di 1-3 (Crea, Sgargetta e Zaltron), convince coach Murino ad interrompere nuovamente il gioco. Nulla da fare: sino al 25′ è un monologo ferrarese con il divario che lievita sino al 5-13 del 25′. Un piccolo black out, con quattro palle perse consecutivamente, permette ai locali di chiudere, all’intervallo, dimezzando il divario sul 10-14.

Nella ripresa Malo rientra prepotentemente dagli spogliatoi con la voglia di rientrare definitivamente in partita. Il piano funziona, e nonostante le grandi giocate di Davide Di Maggio e le tante parate di Michele Rossi, Malo prima accorcia sul 14-16, al 36′, per poi costringere al time out gli emiliani sul 17-19. La parità arriva al 45′ a causa di un contropiede, che porta il tabellone sul 20-20. Dalla panchina coach Ribaudo gioca due carte inaspettate che sparigliano totalmente l’equilibrio della gara: Waeil ed il giovanissimo Baldo. Malo sembra avere il vento in poppa e mette la freccia toccando il massimo vantaggio sul 22-20 al 48′. Il gol di Baldo al 55′, del 23′ rimette nuovamente le cose in pari, spalancando le porte ad un finale palpitante. Le due squadre vivono due minuti a braccetto con Malo a scattare e Ferrara brava a rispondere con le reti di Zaltron e Sgargetta. Al 58′ il punteggio è di 26-26. Coach Ribaudo chiama, ad un solo giro di lancette dalla fine, un time out per ragionare l’ultimo possesso offensivo del match: ciò che ne scaturisce incanta il pubblico tutto. L’United resiste ordinatamente al pressing locale ed in pieno passivo, con l’intuito di Giulio Nardo (gran gara la sua con sei reti e tante giocate utili), inventa una spettacolare volante raccolta e finalizzata da Veselin Hristov. E’ il gol del 26-27 che fa esplodere la gioia della panchina ospite. Malo, ad una manciata di secondi dal gong, esce dal time out e si gioca il tutto per tutto trovando un varco in ala. L’inevitabile conclusione viene contrastata irregolarmente da Crea: per la coppia arbitrale è rigore ed esclusione di due minuti. Il Palazzetto spegne ogni rumore, con lo spettro della gara d’andata (ma a parti inverse) a rifarsi tridimensionale: è Michele Rossi contro Gonzalo Sanchez. Lo spagnolo angola al massimo un rigore che solo il talento smisurato dell’estremo difensore ex Romagna e Bologna, riesce a disinnescare. In mezzo al campo scoppia la festa incontrollabile. Ferrara United vince e sale a quota 16 punti (21 senza penalizzazione).

Prossimo incontro in calendario, sabato 29 Febbraio alle ore 20.30 contro Oderzo al “Pala Boschetto”.

TABELLINO

Malo vs Ferrara United – (10-14)

Malo: P. Marchioro 5, Bellini 1, A. Zanella, S. Berengan 2, Lucarini, Fontana 1, Mendo 1, N. Berengan, Pejman 4, Meneghello 1, Casolin, Sanchez 6, Grotto 4, Battistello, M. Zanella, Crosara. All. Murino

Ferrara United: Grande, Rossi, Garuti, Pastore, Waeil 1, Di Maggio 5, Crea 1, V. Hristov 1, A. Hristov, Nardo 6, Sgargetta 6, Zaltron 6, Semprini, Brancaleoni, Baldo 1. Al. Ribaudo

error: Il contenuto è protetto!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi